Ai rider mascherine gratis a Milano, ma a quale prezzo?

Ai rider mascherine e guanti gratis dal Comune di Milano, ma a quale prezzo? I lavoratori del food delivery chiedono maggiori tutele in pericolo di contagio da COVID-19.

Ai rider mascherine gratis a Milano, ma a quale prezzo?

Nel capoluogo della Regione più colpita dal coronavirus, a quasi due mesi dall’inizio dell’emergenza con il primo caso di Codogno, arrivano le mascherine gratis per i rider, per coloro che continuano a lavorare al prezzo della loro stessa salute e per garantire quello che potremmo definire un servizio non essenziale in molti casi.

E visto che i rider, spesso immigrati già costretti a condizioni molto precarie, lavorano per strada e a contatto con le persone il Comune di Milano ha finalmente deciso di distribuire mille kit ciascuno contenente cinque paia di guanti e cinque mascherine e annunciano altri.

Intanto anche Roma e Firenze si stanno attivando, ma il piano sembra ancora insufficiente dal momento che sono settimane che gli stessi rider chiedono maggiori tutele perché il prezzo è la loro salute e quella dei clienti.

Ai rider mascherine gratis dal Comune di Milano

Ai rider mascherine gratis dal Comune di Milano. Sono mille al momento i kit contenenti cinque paia di guanti e cinque mascherine che i lavoratori del food delivery possono ritirare, una volta convocati in ordine alfabetico presso lo Sportello Lavoro in via D’Annunzio.

Il Comune poi ha annunciato altre 2mila kit da distribuire alla restante marea dei lavoratori che consegnano pizza, sushi e hamburger a domicilio a chi non può uscire di casa e che dall’inizio dell’emergenza quasi due mesi fa ormai, chiedono maggiori tutele.

Intanto Cristina Tajani assessora alle Politiche per il lavoro, Attività produttive e Commercio del Comune ha dichiarato in merito alle mascherine distribuite gratis ai rider che queste servono a:

“tutelare sia la salute dei rider che, con il loro lavoro, garantiscono la continuità del servizio di food delivery, ma anche quella dei cittadini e dei ristoratori.”

Intanto anche altre città si stanno adoperando per fornire dispositivi ai rider, mascherine, guanti e gel igienizzante gratis.

Rider: sì alle mascherine, ma a quale prezzo?

Per i rider sì alle mascherine, sì ai guanti come dispositivi di sicurezza (ancora insufficienti), ma a quale prezzo? Il prezzo è la salute e lo sa bene chi attraversa la città con la paura del contagio.

Ora Milano si sta muovendo e a seguirla Roma e Firenze dopo che le sentenze dei Tribunali hanno imposto l’adeguamento alle piattaforme di food delivery per le quali lavorano.

Intanto in queste ore sono circolate le immagini della fila lunghissima di rider che aspetta il treno nella metropolitana di Milano nel giorno di Pasqua (il video è presente sulla pagina di Deliverance Milano un sindacato autonomo del settore).

I rider a Milano continuano a invocare la loro sicurezza chiedendo proprio sui protocolli in merito un confronto con sindacati e Assodelivery. Lo stesso accade a Bologna. Il prezzo di garantire la cena a chi resta a casa e quello della salute di chi lavora senza dispositivi di sicurezza adeguati. Pertanto un intervento più incisivo in questo senso è auspicabile e necessario.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories