Ravvedimento operoso

Il ravvedimento operoso è una procedura per mezzo della quale il contribuente può sanare un’irregolarità nei versamenti delle imposte (che risultino omessi o insufficienti) o altre irregolarità fiscali, godendo di una riduzione delle sanzioni, purché:

  • l’irregolarità non sia già stata constatata e notificata al contribuente;
  • non siano iniziate le verifiche e/o le ispezioni;
  • non siano iniziate altre attività di accertamento (ad esempio la richiesta di esibizione di documenti) formalmente comunicate al contribuente.

Per beneficiare del ravvedimento operoso il contribuente deve pagare spontaneamente:

  • l’imposta dovuta;
  • gli interessi, calcolati al tasso legale annuo dal giorno in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato a quello in cui viene effettivamente eseguito;
  • la sanzione in misura ridotta.

Ravvedimento operoso, ultimi articoli su Money.it

Imu, Tasi e Tari: dal 2020 sconto per chi paga in ritardo

Pubblicato il 29 novembre 2019 alle 16:51

La Lega ha presentato un emendamento al Decreto Fiscale che estende il ravvedimento operoso anche ai tributi locali. Se venisse approvato dal Senato, dal 2020 ci sarebbero sconti sulle sanzioni per chi paga in ritardo IMU, TASI e TARI.

Proroga cedolare secca: comunicazione e sanzioni abolite

Pubblicato il 1 luglio 2019 alle 17:16

Il Decreto Crescita ha abolito l’obbligo di comunicazione della proroga della cedolare secca accanto alle sanzioni previste. La novità è contenuta nella legge di conversione pubblicata in Gazzetta Ufficiale del 29 giugno 2019.

Sanzioni certificazione unica 2019

Pubblicato il 8 marzo 2019 alle 15:00

Sanzioni certificazione unica 2019 in caso di omesso, tardivo o invio di dati incompleti. Ecco importi, regole per il pagamento con modello F24 e quando si applica il ravvedimento operoso.

|