MIUR

Il MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) è stato costituito nel 2001 in seguito all’accorpamento del Ministero della Pubblica Istruzione e del Ministero dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica.
Il MIUR è il dicastero del governo italiano che è preposto all’amministrazione dell’istruzione, dell’università, della ricerca e dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica.
Nello specifico, il MIUR è responsabile per quanto riguarda l’istruzione nelle scuole di qualsiasi ordine e grado, sia pubbliche che private, vigila sulle istituzioni universitarie e sovrintende alla ricerca dello Stato.

Il MIUR è stato riorganizzato con il DPR 20 gennaio 2009, n. 17, Regolamento recante disposizioni di riorganizzazione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, per le strutture ministeriali e con il DPR 14 gennaio 2009, n. 16, Regolamento recante la riorganizzazione degli Uffici di diretta collaborazione presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, per le strutture di staff, entrambi pubblicati in GURI n. 60 del 13 marzo 2009.

Il MIUR si suddivide inoltre in 3 dipartimenti:

- Dipartimento per il sistema educativo di Istruzione e Formazione
- Dipartimento per la formazione superiore e per la ricerca
- Dipartimento per la Programmazione e la Gestione delle Risorse Umane, Finanziarie e Strumentali.

MIUR, ultimi articoli su Money.it

Vacanze di Pasqua 2020 a rischio per coronavirus?

Teresa Maddonni

5 Marzo 2020 - 13:47

Vacanze di Pasqua 2020 a rischio per coronavirus?

Le vacanze di Pasqua 2020 sono a rischio a causa del coronavirus? Con il provvedimento delle scuole chiuse in tutta Italia fino al 15 marzo molti studenti potrebbero chiedersi se esiste questa possibilità.

Assunzioni scuola personale ATA pulizie senza accordo: chi resta fuori

Teresa Maddonni

3 Marzo 2020 - 14:24

Assunzioni scuola personale ATA pulizie senza accordo: chi resta fuori

Le assunzioni scuola del personale ATA addetto alle pulizie sono partite il 2 marzo. Si è concluso così il processo di internalizzazione del servizio, ma senza un accordo al ministero sul licenziamento collettivo. Vediamo chi resta fuori e perché moltissimi lavoratori sono stati penalizzati nel silenzio del governo.