Il warning di Heidelberg Cement affossa il cemento: crolla Buzzi Unicem

La quotata tedesca taglia le stime e trascina il comparto europeo. Male Buzzi Unicem a Piazza Affari.

Il warning di Heidelberg Cement affossa il cemento: crolla Buzzi Unicem

Giornata nera per il settore del cemento in Europa dopo il taglio delle stime per il 2018 annunciato da Heidelberg Cement. La notizia della revisione al ribasso ha trascinato l’intero comparto europeo.

A Francoforte, la quotata tedesca viaggia al ribasso da questa mattina e alle 12.30 le azioni vengono scambiate a 56,70% euro con una pesante perdita del 9,48%.

Il sell off del settore ha colpito anche Piazza Affari. A Milano soffre particolarmente Buzzi Unicem, che sta facendo registrare una pesante flessione. Al momento della scrittura, infatti, il titolo sta perdendo il 6,46% e viene scambiato a 16,23 euro. Non va meglio per Cementir che sta lasciando sul terreno il 6,36% a 5,01 euro.

Heidelberg Cement rivede al ribasso l’outlook 2018

La tempesta sul comparto è stata scatenata da Heidelberg Cement. L’azienda tedesca ha rivisto al ribasso le previsioni per l’anno in corso, influenzando negativamente l’intero settore cementiero.

La multinazionale quotata a Francoforte ha, infatti, annunciato di attendersi un calo inferiore al 5% del risultato delle operazioni correnti, prima delle svalutazioni e aggiustato per l’effetto cambi, rispetto a un aumento tra il 5% e il 9% previsto in precedenza.

La società ha comunque comunicato che i volumi di vendita e i ricavi registrati nei primi 9 mesi dell’anno sono stati in linea con le sue aspettative. Anche la guidance resta invariata.

Inoltre, Heidelberg Cement si attende anche che il rapporto tra debito netto e risultato delle operazioni correnti adjusted sarà superiore a fine anno al 2,5 previsto finora.

Le ragioni del profit warning

Per spiegare i motivi che l’hanno spinta a rivedere al ribasso le stime per il 2018, Heidelberg Cement ha fatto riferimento a più fattori.

Secondo la quotata tedesca, non hanno aiuto la performance le condizioni climatiche sfavorevoli negli Stati Uniti, mentre l’aumento dei prezzi dell’energia si è rivelato superiore alle previsioni.

Un rincaro quest’ultimo – ha spiegato la società –che può essere solo in parte compensato trasferendo tutti i maggiori costi energetici ai clienti tramite un incremento dei prezzi, cosa che tra l’altro Heidelberg non è riuscita pienamente a fare.

La pubblicazione dei dati trimestrali di Heidelberg Cement è attesa per il prossimo 8 novembre.

I segnali del cedimento

Il sell off di oggi è stato un brutto colpo per il settore del cemento, ma il comparto, insieme a quello delle costruzioni, sta vivendo un momento particolarmente difficile.

La stessa Buzzi Unicem aveva già rivisto al ribasso gli obiettivi, dopo la pubblicazione della prima semestrale e gli analisti non sono molto ottimisti su un futuro rafforzamento della società, a seguito delle stesse ragioni indicate da Heidelberg Cement.

In particolare, le cattive condizioni meteo negli Usa hanno comportato anche un sostanzioso aumento delle spese di manutenzione per l’italiana, senza tralasciare l’inflazione costi che – come detto – è stata più alta delle attese.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Buzzi Unicem

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.