Venezuela: 9 famiglie su 10 non hanno soldi per mangiare

Iperinflazione e tasso di cambio attuale fanno delle famiglie venezuelane quelle col potere d’acquisto tra i peggiori al mondo: 3 pasti al giorno sono un’utopia

Venezuela: 9 famiglie su 10 non hanno soldi per mangiare

9 famiglie su 10 non hanno un reddito sufficiente per mangiare con regolarità. È questo il dato più toccante emerso oggi dall’Indagine nazionale sulle condizioni di vita della popolazione venezuelana (Encovi).

Secondo il report annuale per 8 nuclei familiari su 10 si può parlare di “condizioni di insicurezza alimentare”, con l’89% delle famiglie impossibilitate economicamente ad acquistare una quantità di cibo sufficiente.

Iperinflazione e tasso di cambio fanno sì che lo stipendio medio di un venezuelano, riportato nell’economia formale, sia pari a 6 dollari al mese.

Diventano così una vera e propria utopia i tre pasti al giorni, spariscono tutta una serie di prodotti di qualità leggermente maggiore e la dieta si impoverisce notevolmente.

Un’analisi dei dati tratti dalla ricerca è stata pubblicata dalla rivista venezuelana Dinero, che ha sottolineato un +51% delle famiglie povere e un +10% di disoccupazione nel triennio 2015-2018.

In più, il tasso della mortalità infantile è cresciuto in maniera vertiginosa, tanto da portare la rivista Lancet a registrare 21,1 decessi per 1.000 nuove nascite, cifra che mostra numeri tornati ai livelli di oltre 50 anni fa.

Venezuela: 9 famiglie su 10 non hanno soldi per mangiare

Nel pieno del braccio di ferro Maduro-Guaidó, sul Paese grava un’inflazione che va verso il 10.000 per cento secondo il Fondo Monetario Internazionale.

Da qui si disegna uno scenario dai tratti catastrofici: il sistema sanitario non è più in grado di gestire la situazione, la carenza di medicinali è ormai cronica, omicidi ed episodi di criminalità sono all’ordine del giorno ed è persino tornata la difterite dopo 25 anni dall’ultima comparsa.

Anche l’emergenza acqua preoccupa il Paese, con l’80% degli edifici dai rubinetti a secco. Più del 30% dei venezuelani non va oltre i 2 pasti al giorno, e 9 venezuelani su 10 vivono in condizioni di povertà assoluta.

La perdita di peso corporeo media per cittadino è pari a 11 chili. Va infatti considerato uno stipendio falcidiato da iperinflazione e un potere d’acquisto divenuto praticamente nullo.

Il salario minimo è al momento pari a cinque milioni e duecentomila bolivares, pari a 1,30 euro, appena sufficienti per una busta di patate e poche fette di carne.

Intanto il leader dell’opposizione Juan Guaidó riconosce in Maduro il vero responsabile del tracollo del Paese, e solo qualche giorno fa ha lanciato un ulteriore appello diretto alla comunità internazionale, che sollecita a compiere ogni azione possibile per lottare contro Maduro e liberare il territorio dalla sua “dittatura”.

Il Paese affronta al momento il periodo storico più buio della sua storia, e secondo diversi osservatori internazionali l’attuale impasse governativo, che vede due presidenti duellare per fare da guida al più presto, potrebbe chiudersi solo con un intervento militare.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Venezuela

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.