Come vanno le vaccinazioni in Italia: quali Regioni hanno accelerato di più con le somministrazioni

Stefano Rizzuti

9 Dicembre 2021 - 11:53

condividi

Il commissario straordinario Francesco Paolo Figliuolo ha fissato i target vaccinali da raggiungere per ogni Regione: quali territori hanno raggiunto gli obiettivi e quali no?

Come vanno le vaccinazioni in Italia: quali Regioni hanno accelerato di più con le somministrazioni

L’Italia torna ad accelerare sulle vaccinazioni. Dopo mesi in cui il ritmo della somministrazione delle dosi del vaccino anti-Covid era nettamente rallentato, negli ultimi giorni - soprattutto grazie all’apertura delle terze dosi a tutti gli over 18 - si è tornati anche al di sopra delle 500mila inoculazioni giornaliere.

La struttura commissariale guidata da Francesco Paolo Figliuolo ha indicato dei target giornalieri alle singole Regioni e Province autonome riguardanti il numero di dosi da somministrare dall’1 dicembre in poi. Andando a guardare i dati dei primi giorni di dicembre (fino al 7, ultimo giorno su cui abbiamo dati completi), i target sono stati raggiunti da quasi tutte le Regioni e il ritmo delle somministrazioni in Italia è più veloce di quello indicato dal commissario.

Nel Lazio, a Bolzano e in Veneto il target è stato superato (nel totale dei sette giorni) di oltre il 30%, in Puglia si è arrivati addirittura a un +45% e a Trento le dosi inoculate sono il triplo di quelle fissate dal target di Figliuolo. In negativo (ma comunque di poco) ci sono solamente Sicilia, Emilia-Romagna e Molise. Andiamo a vedere come vanno le vaccinazioni dall’1 al 7 dicembre Regione per Regione.

Le vaccinazioni in Italia dall’1 al 7 dicembre

La struttura commissariale ha stabilito un target giornaliero a livello nazionale: dall’1 al 3 dicembre si dovevano raggiungere le 400mila somministrazioni, il 4 dicembre 350mila, il 5 dicembre 300mila (giornate di weekend) e il 6 e 7 dicembre si risaliva a 450mila, per un totale settimanale di 2,75 milioni di dosi.

Il target è stato ampiamente raggiunto in sei giorni su sette: 458mila dosi il primo dicembre, 486mila il 2, 513mila il 3 dicembre, 461mila il 4 del mese, 291mila il 5 (unica volta che il target non è stato raggiunto), 513mila il 6 dicembre e 523mila il 7 dicembre.

I target e le vaccinazioni settimanali Regione per Regione

I target fissati da Figliuolo erano su base giornaliera, ma andando a guardare la somma settimanale gli obiettivi erano:

  • Abruzzo: 60.536
  • Basilicata: 25.197
  • Calabria: 86.034
  • Campania: 259.895
  • Emilia-Romagna: 203.584
  • Friuli-Venezia Giulia: 55.405
  • Lazio: 262.094
  • Liguria: 71.257
  • Lombardia: 470.816
  • Marche: 69.575
  • Molise: 13.915
  • Bolzano: 23.686
  • Trento: 24.510
  • Piemonte: 199.980
  • Puglia: 181.878
  • Sardegna: 75.599
  • Sicilia: 225.830
  • Toscana: 171.118
  • Umbria: 40.246
  • Valle d’Aosta: 5.619
  • Veneto: 223.219.

Aggregando i dati forniti dal governo, Money.it ha calcolato il numero di vaccinazioni effettuate da ogni singolo territorio nella settimana dall’1 al 7 dicembre:

  • Abruzzo: 71.729
  • Basilicata: 31.167
  • Calabria: 97.186
  • Campania: 303.702
  • Emilia-Romagna: 192.458
  • Friuli-Venezia Giulia: 57.536
  • Lazio: 350.439
  • Liguria: 83.488
  • Lombardia: 550.504
  • Marche: 84.982
  • Molise: 13.672
  • Bolzano: 32.369
  • Trento: 74.817
  • Piemonte: 209.461
  • Puglia: 264.207
  • Sardegna: 82.970
  • Sicilia: 211.521
  • Toscana: 177.007
  • Umbria: 42.907
  • Valle d’Aosta: 6.623
  • Veneto: 309.204.

Le Regioni che accelerano di più sui vaccini

In quasi tutte le Regioni è stato raggiunto il target fissato da Figliuolo. Molto spesso, inoltre, il numero di vaccinazioni effettuate (comprensivo di prime, seconde e terze dosi) è ben più alto dell’obiettivo da raggiungere nella settimana dall’1 al 6 dicembre.

Le vaccinazioni dall'1 al 7 dicembre e i target per Regione Le vaccinazioni dall’1 al 7 dicembre e i target per Regione In verde le Regioni che hanno raggiunto gli obiettivi, in rosso chi è sotto il target

Raggiungono l’obiettivo con margine ristretto (inferiore al 10%) Friuli-Venezia Giulia, Piemonte, Sardegna, Toscana e Umbria. Come si vede dalla tabella molto più margine si registra in tante Regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Liguria, Lombardia, Marche e Valle d’Aosta.

Le Regioni più virtuose sono invece Lazio (+33,7% rispetto al target), Bolzano (+36,7%), Veneto (+38,5%), Puglia (+45,3%) e Trento (+205,3%). Saldo negativo solamente per Molise (-1,7%), Emilia-Romagna (-5,5%) e Sicilia (-6,3%). A livello nazionale l’incremento resta comunque alto: il 18,1% in più di dosi somministrate rispetto agli obiettivi fissati dalla struttura commissariale.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Argomenti

# Italia

Iscriviti a Money.it