Trump minaccia di ritirarsi dalla NATO. Lo farà per davvero?

Lorenzo Bagnato

15 Febbraio 2024 - 09:42

Donald Trump sta conducendo attivamente una campagna per ritirarsi dalla NATO se vincerà le prossime presidenziali USA. Quanto fondate sono queste minacce?

Trump minaccia di ritirarsi dalla NATO. Lo farà per davvero?

L’ex presidente degli Stati Uniti e candidato repubblicano Donald Trump ha sminuito gli alleati della NATO durante un evento elettorale lo scorso sabato. Si è scagliato specificamente contro la bassa spesa militari da parte dei paesi europei, dicendo che avrebbe “incoraggiato la Russia” ad attaccarli.

Secondo lo statuto della NATO, i membri devono spendere il 2% del loro PIL nel bilancio della difesa. Dei 31 paesi membri, solo 11 seguono questo requisito. Le prime 3 spese militari in percentuale del PIL sono rispettivamente la Polonia, gli Stati Uniti e la Grecia.

Durante la sua presidenza, Donald Trump si è spesso lamentato del fatto che gli alleati europei non spendevano quanto gli Stati Uniti per il loro esercito. Fin dalla nascita della NATO, gli Stati Uniti non hanno mai considerato questa mancanza un problema poiché l’alleanza era il modo più forte per proiettare il loro potere nel mondo. Inoltre, le numerose basi militari statunitensi in diversi paesi europei sono state tacitamente considerate come una compensazione per la mancanza di spese per la difesa.

La dichiarazione di Trump è arrivata mentre il Congresso degli Stati Uniti discute di aiuti militari ad Ucraina, Israele e Taiwan. L’anno scorso, i repubblicani hanno collegato questo problema a quello dei confini, ma un recente disegno di legge che prevedeva aiuti esteri e misure aggiuntive per il controllo delle frontiere è stato bocciato proprio dai repubblicani.

Questa mossa ha reso chiaro che l’obiettivo di Trump è quello di fermare gli aiuti militari all’Ucraina. L’approvazione o meno di un nuovo disegno di legge dipende dalla maggioranza repubblicana alla Camera.

Trump abbandonerà davvero la NATO?

Durante l’attuale campagna elettorale, Donald Trump si è impegnato a ritirarsi completamente dalla NATO se i membri non avessero raggiunto i livelli di spesa. Non tutti i repubblicani sono contenti delle sue dichiarazioni. «Ecco perché dico da molto tempo che non è idoneo a diventare presidente degli Stati Uniti», ha detto l’ex candidato repubblicano Chris Christie.

Anche Nikki Halley, l’unica candidata repubblicana rimasta oltre a Trump, è disgustata all’idea di lasciare la NATO. “L’ultima cosa che vogliamo fare è schierarci con la Russia”, ha detto.

Tuttavia, questa idea piace a molti elettori repubblicani, che si schierano apertamente con l’idea di Trump di una spesa militare equa da parte degli alleati.

Il Congresso degli Stati Uniti ha chiaramente paura di questa idea. Alla fine del 2023, il Congresso ha rapidamente approvato un disegno di legge che vieta a qualsiasi presidente di ritirarsi unilateralmente dalla NATO. Anche se questo disegno di legge potrebbe fermare Trump in futuro, potrebbe anche essere annullato dal nuovo Congresso. Dipenderà tutto dalla formazione delle camere dopo le elezioni.

Questa non sarebbe la prima volta nella storia che gli Stati Uniti diventano isolazionisti. Sarebbe la prima volta, tuttavia, che la nazione rinuncia al suo ruolo di egemone globale. Una mossa del genere avrebbe effetti catastrofici sull’economia statunitense, anche a causa dell’attuale ruolo del dollaro come valuta di riserva globale.

Nel frattempo, gli Stati membri dell’UE si stanno abituando a un’America inaffidabile, parlando apertamente di creare un esercito europeo congiunto per difendersi dall’aggressione russa.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2024-02-12 12:54:04. Titolo originale: Will Trump actually withdraw from NATO?

Argomenti

# Nato

Iscriviti a Money.it

Fa bene il Governo a vendere ulteriori quote di ENI?

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo