Tredicesima pensioni: quando arriva, come si calcola e tasse

Isabella Policarpio

24 Novembre 2020 - 11:39

24 Novembre 2020 - 11:49

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Guida completa al calcolo e alle tasse della tredicesima per pensionati, quando viene pagata, beneficiari, chi ne ha diritto e importo.

Tredicesima pensioni: quando arriva, come si calcola e tasse

Si avvicina la data di emissione della tredicesima per pensionati, alla quale ha diritto chi percepisce la pensione di vecchiaia, di reversibilità, di invalidità e altre ancora.

In questo articolo spieghiamo come si calcola l’importo netto e lordo della tredicesima, le tasse applicate e chi ha diritto al “bonus” di 154 euro. Di seguito i dettagli.

Tredicesima pensioni: quando viene pagata

Anche i pensionati ricevono la tredicesima a dicembre, la cosiddetta “gratifica natalizia”. Ai lavoratori dipendenti la tredicesima mensilità viene erogata prima della vigilia di Natale, secondo la data indicata dal contratto collettivo della categoria, invece i pensionati ricevono la tredicesima nel primo giorno bancabile di dicembre. Se il primo giorno del mese è un festivo o un giorno non bancabile (quindi la domenica), l’accredito slitta al giorno successivo.

Quindi il pagamento della tredicesima avviene entro e non oltre la prima settimana del mese, insieme alla pensione di dicembre.

Per l’anno 2020, la tredicesima per i pensionati arriva:

  • il 1 dicembre per coloro che hanno l’accredito della pensione sul conto corrente postale
  • il 1 dicembre per coloro che hanno l’accredito della pensione sul conto corrente bancario

Quali pensionati prendono la tredicesima

La tredicesima spetta alle categorie di pensionati seguenti:

  • chi percepisca la pensione di vecchiaia;
  • chi percepisce la pensione anticipata (ovvero l’ex pensione di anzianità);
  • ai titolari di prestazioni assistenziali, ad esempio l’assegno sociale e la pensione di invalidità;
  • ai titolari della pensione ai superstiti indiretta e di reversibilità.

Come si calcola la tredicesima

Per calcolare l’importo lordo della tredicesima bisogna moltiplicare l’importo della pensione lorda mensile per il numero di mesi di pensionamento effettivo (nell’anno di riferimento) e dividere il tutto per 12.

Applicando questa formula si può avere una prima idea dell’importo della tredicesima. Facciamo un esempio prendendo come riferimento due pensionati con PAL pari a 20.000 euro, ma uno con assegno liquidato dal 2019 e l’altro in pensione solamente da marzo 2020:

  • nel primo caso la tredicesima è riconosciuta per l’intero anno, quindi per un importo lordo pari a 1.666 euro
  • nel secondo caso la tredicesima è riconosciuta per sole 10 mensilità (gennaio e febbraio 2020 esclusi) per un importo di 1.388€.

Tasse sulla tredicesima

La formula indicata nel paragrafo precedente permette di calcolare l’importo lordo e non quello definitivo, sul quale vanno applicate le tasse. La tredicesima viene tassata in maniera differente rispetto all’assegno previdenziale mensile, spieghiamo come.

Sull’importo lordo della tredicesima viene applicata l’aliquota del 27%, quindi su una tredicesima lorda di 1.666,00 euro il netto percepito è sarà pari a 1.150,00 euro.

L’importo della tredicesima è inferiore rispetto alla pensione netta.

Nel nostro articolo di approfondimento tutti i dettagli sulla tassazione della tredicesima.

“Bonus tredicesima”: cos’è e a chi spetta

La legge di Bilancio per il 2001 ha introdotto il cosiddetto “bonus tredicesima”, un importo aggiuntivo che viene sommato alla mensilità in più di dicembre. Il bonus spetta ai titolari di assegno sociale e il suo importo cambia di anno in anno in base alla rivalutazione ISTAT.

Per il 2020, il bonus tredicesima sulle pensioni è di 154,94 euro per i pensionati che percepiscono fino a 6.695,91 euro l’anno. Se il pensionato percepisce altri redditi l’importo minimo sale a 10.043,87 euro mentre è pari a 20.087,73 euro nel caso in cui si aggiunga il reddito del coniuge.

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories