Tesla aumenta utili e ricavi nel secondo trimestre, ma il problema è la produzione

Violetta Silvestri

21 Luglio 2022 - 09:57

condividi

Nella trimestrale, Tesla ha riportato ricavi in crescita del 42% e un utile per azione a +57%. La casa automobilistica di Musk marcia a gonfie vele, ma con alcune ombre legate alla crisi globale.

Tesla aumenta utili e ricavi nel secondo trimestre, ma il problema è la produzione

Trimestrale Tesla svelata, con dati relativi a utile e ricavi incoraggianti per Elon Musk.

La società ha resistito alle interruzioni della produzione in Cina e agli alti costi per l’ampliamento di nuovi impianti in Texas e Germania per segnalare un aumento del 57% dell’utile per azione rettificato.

I risultati del secondo trimestre della casa automobilistica elettrica hanno portato un certo sollievo dopo che l’azienda aveva avvertito su problemi e ostacoli dovuti alla produzione e alla fornitura. La brutale invasione russa dell’Ucraina e le epidemie di Covid in Cina hanno esacerbato la continua carenza di semiconduttori e di altri elementi.

Le restrizioni per i contagi a Shanghai, per esempio, hanno costretto Tesla a sospendere o limitare temporaneamente la produzione nel suo stabilimento durante il secondo trimestre del 2022.

Musk non ha fornito una previsione di produzione per il resto dell’anno, se non per dire che l’azienda avrebbe probabilmente raggiunto nuovi record. Ha anche affermato che i piani di Tesla prevedevano che raggiungesse la piena produzione entro la fine dell’anno, a un tasso annualizzato di 2 milioni di veicoli.

Trimestrale Tesla in numeri: tutti i risultati

I conti del secondo trimestre della casa di veicoli elettrici ha mostrato innanzitutto entrate a 16,9 miliardi di dollari, in aumento del 42% rispetto all’anno precedente, anche se la cifra è leggermente inferiore ai 17,1 miliardi di dollari che Wall Street si aspettava.

L’utile per azione (EPS) è stato di $ 2,27 (aggiustato) contro $ 1,81 previsto, secondo Refinitiv. Il margine lordo automobilistico è stato del 27,9%, in calo dal 32,9% dello scorso trimestre e dal 28,4% di un anno fa, influenzato dall’inflazione e dalla maggiore concorrenza per le celle della batteria e altri componenti che entrano nei veicoli elettrici.

Nei ricavi, $1,47 miliardi sono stati generati da servizi e altri ricavi e $866 milioni dal segmento energetico dell’azienda.

Il CEO Elon Musk ha affermato che la nuova fabbrica di Tesla fuori Berlino ha superato le 1.000 auto a settimana a giugno e si aspetta che la nuova fabbrica dell’azienda ad Austin, in Texas, superi la pietra miliare di produzione di 1.000 a settimana nei prossimi mesi.

Tesla ha ampliato la sua infrastruttura di ricarica più dei suoi negozi e centri di assistenza, segnalando 709 punti vendita e servizi per il trimestre e 3.971 sedi Supercharger (con 36.165 connessioni Supercharger totali) nel secondo trimestre. Questi numeri rappresentano una crescita del 19% nei punti vendita e nei centri di assistenza anno su anno e una crescita del 34% nel numero di punti di ricarica.

L’azienda punta ancora sul suo attesissimo Cybertruck (annunciato a novembre 2019), sul semirimorchio elettrico (svelato a novembre 2017), sul concept Roadster aggiornato (svelato anche a novembre 2017) e su altri progetti speculativi come il robot umanoide. Mercoledì, in risposta alla domanda di un investitore, Elon Musk ha affermato che Tesla spera di iniziare a consegnare il Cybertruck, un pickup dall’aspetto sperimentale, a metà del prossimo anno.

Sul capitolo Bitcoin, la società ha offerto dettagli limitati, scrivendo: alla fine del secondo trimestre, “abbiamo convertito circa il 75% dei nostri acquisti di Bitcoin in valuta fiat. Le conversioni nel secondo trimestre hanno aggiunto $ 936 milioni di contanti al nostro bilancio”. Complessivamente, le disponibilità liquide e mezzi equivalenti della società sono aumentate di 847 milioni di dollari durante il trimestre. Tesla ha fatto scalpore tra gli appassionati di criptovalute quando ha annunciato all’inizio del 2021 di aver acquistato bitcoin per un valore di 1,5 miliardi di dollari.

Non solo successi: quali rischi per Tesla?

Non mancano zone d’ombra anche per Tesla, legate soprattutto al contesto economici globale.

Le pressioni sulla catena di approvvigionamento e le chiusure legate al Covid 19 a Shanghai hanno lasciato l’azienda nella necessità di circa 935.000 consegne di veicoli nella seconda metà dell’anno, per raggiungere il totale di 1,5 milioni sperato da molti analisti, o un aumento del 70% rispetto al stesso periodo del 2021.

Tesla aveva rivelato che le interruzioni della produzione a Shanghai e la carenza di componenti avevano cancellato fino a un quarto delle consegne di veicoli nei tre mesi terminati il ​​30 giugno. Sebbene la cifra di 254.695 veicoli spediti fosse ancora del 27% in più rispetto a un anno prima, ha rappresentato il primo calo trimestrale sequenziale in più di due anni.

Non solo, alla fine di maggio, Musk si è lamentato degli alti costi per l’avvio della produzione nei nuovi stabilimenti di Austin, in Texas, e di Grünheide nel Brandeburgo, in Germania. All’inizio di questo mese, ha dichiarato in un tweet che Tesla potrebbe abbassare i prezzi delle sue auto elettriche se l’inflazione “si calmasse”.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.