Una tempesta perfetta per l’euro

Violetta Silvestri

6 Luglio 2022 - 15:08

condividi

L’euro osservato speciale: nello sprint del biglietto verde, anche per effetto del suo ruolo di asset rifugio, la moneta comunitaria affonda. Si scommette sulla parità, stimando una tempesta perfetta.

Una tempesta perfetta per l'euro

Mentre la coppia EUR/USD segna 1,0175 alle ore 14.46 circa del 6 luglio, l’economia europea vacilla verso una recessione e i trader sono sempre più convinti che l’euro che rompe la parità con il dollaro sia imminente.

Diversi strateghi di importanti gruppi, da Nomura International a HSBC Bank, hanno detto ai clienti di aspettarsi maggiori perdite in futuro. Secondo il modello di prezzo delle opzioni di Bloomberg, c’è una probabilità implicita di circa il 50% che la valuta raggiunga la parità rispetto al dollaro nel prossimo mese.

In una cornice davvero cupa per l’Europa a moneta unica, con le interruzioni totali di gas dalla Russia che ormai appaiono come imminenti, il destino dell’euro sembra segnato: la tempesta perfetta sulla valuta è già qui? Alcune previsioni.

L’euro nel pieno di una tempesta perfetta: i motivi

Con l’euro già al minimo da 20 anni, gli investitori sono alle prese con la possibilità che la Russia possa interrompere l’approvvigionamento di gas all’Europa e far precipitare la regione in recessione.

Lo shock economico renderebbe più difficile per la Banca centrale europea aumentare la politica monetaria restrittiva e probabilmente allargherebbe il differenziale dei tassi di interesse con gli Stati Uniti. La valuta comune è crollata ulteriormente mercoledì, scambiando a partire da $1,0187.

Tim Brooks, responsabile del trading di opzioni FX presso il market maker Optiver, si aspetta una maggiore volatilità se l’euro romperà la parità con il dollaro. Lo stratega di Nomura International Plc Jordan Rochester ha scritto martedì di essere ancora più convinto che la moneta comunitaria scivolerà verso 0,98 entro agosto.

L’euro “rimane effettivamente non acquistabile quest’estate”, ha affermato Kit Juckes, chief global currency strategist di Société Générale. “La dipendenza energetica dell’Europa dalla Russia sta diminuendo, ma non abbastanza velocemente da evitare la recessione se il gasdotto viene chiuso. Se ciò accade, è probabile che EUR/USD perderà un altro 10% circa”.

Ci sono anche ulteriori preoccupazioni per gli ampi spread obbligazionari italiani, ha affermato Van Luu di Russell Investments. “È una tempesta perfetta per l’euro in questo momento”, ha detto Luu, che detiene una piccola posizione corta. Tuttavia, la valuta è già a livelli deboli e ci sono buone possibilità che possa rafforzarsi nel prossimo anno, ha aggiunto.

Per risollevarsi, o uscire da questo mix tossico di fattori, l’euro avrebbe bisogno di segnali rassicuranti sulla ripresa e tenuta economica del continente. Che per ora, però, non ci sono.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.