Coronavirus: tassi di interesse Fed stanno per crollare

I tassi di interesse Fed stanno per essere drasticamente ridotti a causa del coronavirus: le previsioni

Coronavirus: tassi di interesse Fed stanno per crollare

I tassi di interesse Fed stanno per essere drasticamente ridotti, secondo numerosi osservatori, con l’obiettivo di fronteggiare l’impatto economico del coronavirus.

La banca centrale statunitense ha già agito in tal senso operando qualche giorno fa un inatteso maxi taglio del costo del denaro, sceso così dall’1,75% all’1,25%.

Ora però le cose potrebbero persino peggiorare per i tassi di interesse Fed, che secondo diversi analisti arriveranno presto allo 0,0% a causa del coronavirus, ormai mutato da epidemia a pandemia.

Tassi di interesse Fed: taglio di 100pb in arrivo

Secondo le previsioni di Standard Chartered, la riunione di politica monetaria prevista per il prossimo 18 marzo si rivelerà un evento da non perdere.

In quell’occasione, hanno continuato gli esperti, la Fed taglierà i tassi di interesse di 100 punti base, portando così il costo del denaro allo 0,25%. Una previsione drasticamente rivista rispetto all’iniziale taglio atteso di 25 punti base.

Pur dicendosi scettica in merito alle reali probabilità di successo di tali misure, Standard Chartered ha dichiarato che la Fed non rischierà mai di prendere la questione alla leggera.

“Sospettiamo che, insieme al convenzionale allentamento monetario, il FOMC definirà politiche specifiche volte a fornire una riserva di credito al settore privato.”

Tassi di interesse a zero in due mesi: le previsioni di Danske

Nelle ultime settimane le grandi banche centrali mondiali hanno iniziato ad agire per far fronte al coronavirus. Come anticipato gli stessi tassi di interesse Fed sono scesi di 50 pb ma i mercati non hanno reagito come sperato.

Le cose poi sono nuovamente peggiorate nel momento in cui alle tensioni riguardanti l’epidemia si sono aggiunte anche quelle inerenti il petrolio. Con il passare del tempo dunque il mercato ha iniziato a rivedere le proprie previsioni.

“Ci aspettiamo ora che la Fed taglierà i tassi di interesse di almeno 100 punti base e il nostro caso base prevede che il target range crollerà a 0,0,%-0,25% nei prossimi due mesi”,

hanno tuonato da Danske Bank.

Per dirla in altre parole, la Federal Reserve continuerà a rivedere il costo del denaro per diversi ordini di motivi:

  • il sentiment è ancora negativo nonostante il recente taglio dei tassi di interesse;
  • i rischi di recessione sono ancora elevati;
  • la situazione negli USA legata al coronavirus è peggiore del previsto;
  • la politica monetaria non è così accomodante;
  • l’inflazione e le relative aspettative rimangono sotto il target;
  • il crollo del petrolio sta indicando ancora rischi al ribasso.

Secondo gli analisti, dunque, i tassi di interesse Fed scenderanno allo 0,0% presto o tardi. Il coronavirus renderà necessarie tali misure di politica monetaria.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su USD - Tassi di interesse Fed

Condividi questo post:

1 commento

foto profilo

giancarlo • 3 mesi fa

E il momento di chiedere a costo di qualsiasi sacrificio di fare in modo che ogni nazione sia lasciata liobera di poter sforare come vuole sempre per gli interessi dei cittadini, chi in europa non vuole starci deve essere cacciato perchè gli egoismi di poche sanguisughe non possono frenare il ricorso a tante risorse per uscire il rpima possibile da questa tragedia. Poi si dovrebbe sfruttare questo momento per chiedere di poter stampare moneta propria

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories