Slancio rialzista dell’euro in vista di una Bce aggressiva

Violetta Silvestri

19 Luglio 2022 - 12:31

condividi

L’euro prova a rimbalzare sul dollaro: la moneta unica sta guadagnando terreno dopo essere rimasta verso il livello di parità. Il motivo è l’aspettativa sulla riunione Bce: tassi più alti di 50 pb?

Slancio rialzista dell'euro in vista di una Bce aggressiva

La coppia EURUSD registra guadagni importanti e negozia sopra 1,0200 con un rialzo di oltre l’1%.

La spinta della moneta unica sta arrivando sulla scia della rinnovata aspettativa del mercato per un aumento del tasso Bce di 50 punti base giovedì.

Intanto, i dati dell’Ue hanno mostrato che l’IPCA annuale è arrivato all’8,6% a giugno, in linea con la stima.

I guadagni dell’euro, che l’hanno allontanato dai livelli di sotto-parità della scorsa settimana, derivano anche dal calo delle aspettative per un aggressivo aumento di 100 punti base da parte della Federal Reserve alla fine di questo mese, che ha fatto crollare il dollaro.

L’euro riprende slancio: Bce più aggressiva del previsto?

L’EUR/USD ha raccolto slancio rialzista nella prima sessione europea di martedì ed è avanzato al suo livello più alto in quasi due settimane a circa 1,0259 (+1,15% alle ore 12.13 circa).

Citando fonti che hanno familiarità con la questione, Reuters ha riferito all’inizio della giornata che i responsabili politici della Banca centrale europea discuteranno se aumentare il tasso ufficiale di 50 punti base (bps) a luglio, nella riunione del 21. Questa indiscrezione ha fornito una spinta alla valuta condivisa. Riflettendo l’ampia forza dell’euro, anche l’EUR/GBP è balzato sopra 0,8500.

D’altra parte, i deludenti dati macroeconomici rilasciati dagli Stati Uniti continuano a pesare sulla probabilità di un aumento del tasso Fed di 100 pb a luglio ea danneggiare il biglietto verde. Lunedì, l’Indice Housing della NAHB è crollato a 55 a luglio da 67 a giugno, citando l’inflazione elevata e l’aumento dei tassi ipotecari come fattori primari alla base del deterioramento del sentimento nel mercato immobiliare.

Il governatore della Fed Christopher Waller ha dichiarato giovedì che un aumento di 100 punti base a luglio è subordinato a dati immobiliari più forti del previsto.

La Bce, in ritardo quando si tratta di aumenti dei tassi, sta premendo sui mercati con una probabilità del 50/50 di un aumento di 50 punti base. Indipendentemente dal fatto che i responsabili politici scelgano o meno un aumento smisurato, sarà il primo dal 2011.

“Il fatto è che la Bce è molto indietro rispetto alla curva e ha molto da fare”, ha affermato Paul O’Connor, capo del team multi-asset con sede nel Regno Unito presso Janus Henderson. “Quindi non sembrerà insolito se inizieranno con un aumento di 50 punti base.”

Il rendimento del titolo biennale italiano è salito di 0,07 punti percentuali all’1,47%.

Da ricordare, che giovedì la banca centrale dell’Eurozona potrebbe anche offrire nuovi dettagli su un meccanismo di sostegno pianificato per salvaguardare i governi più deboli del blocco, come quelli di Italia e Grecia, da tassi più alti.

L’euro resta a guardare e potrebbe prendere ancora più slancio dopo l’intervento in conferenza di Lagarde.

Quali previsioni a breve per l’euro?

Gli analisti sono riluttanti a diventare rialzisti sull’euro, visti i venti contrari economici della regione e le continue preoccupazioni per le forniture di gas naturale e il colpo alla sua economia.

Gli esperti di ING hanno affermato “che un ambiente ancora difficile nella zona euro sta mantenendo qualsiasi sentimento rialzista limitato. Continuiamo a credere che un altro calo alla parità sia possibile nei prossimi giorni”, hanno scritto.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.