Scuola: aumentano i posti dei concorsi e riaprono le Graduatorie d’istituto

Più posti per i concorsi scuola nel Decreto Rilancio; intanto in Parlamento si lavora allo sblocco delle Graduatorie d’Istituto.

Scuola: aumentano i posti dei concorsi e riaprono le Graduatorie d'istituto

Ottime notizie per il mondo della scuola: il Ministero dell’Istruzione ha intenzione di aumentare i posti previsti dai concorsi scuola e nel frattempo sembra aver deciso di procedere con l’aggiornamento delle Graduatorie d’istituto (che diventeranno Graduatorie provinciali) nonostante le difficoltà date dall’emergenza COVID-19.

Per i precari della scuola i prossimi giorni saranno molto importanti. Si procede su due tavoli: il Decreto Rilancio - con il quale aumentano i posti dei concorsi scuola - e la conversione in legge del Decreto Scuola con cui invece saranno riaperte le Graduatorie d’istituto.

Quella di ieri è stata una serata ricca di annunci: da una parte il Ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, che su Facebook ha confermato che nel Decreto Rilancio, che dovrebbe essere approvato nelle prossime ore, ci sarà un incremento di risorse per la scuola tale da permettere un incremento per il numero di assunzioni previste dai concorsi scuola (sia ordinario che straordinario), mentre dall’altra è stata la senatrice M5S, Bianca Laura Granato, a svelare che l’emendamento che permetterà alle Graduatorie d’Istituto di essere aggiornate, evitando quindi il blocco imposto dal MIUR, è ormai in “dirittura d’arrivo”.

Concorsi scuola: aumentano i posti

I bandi di concorso per la scuola secondaria si dividono in procedura ordinaria e straordinaria (quest’ultima riservata ai docenti che hanno maturato almeno tre anni di servizio nelle scuole) e complessivamente prevedono il reclutamento di circa 50.000 insegnanti.

Ma questo numero è destinato ad aumentare ancora: grazie alle risorse stanziate dal Decreto Rilancio per la scuola, quasi 1,5 miliardi di euro, sarà possibile incrementare i posti in più per il ruolo di docente. Nel dettaglio, i posti in più saranno 16.000 e saranno distribuiti equamente tra concorso scuola ordinario e straordinario.

Più assunzioni attraverso i concorsi, con le stabilizzazioni previste che salgono a 78.000. In questo modo si potrà anche ridurre il numero di alunni per classe, misura necessaria affinché il prossimo anno scolastico possa riprendere in sicurezza.

Non è chiaro però il motivo per cui i posti in più non vadano ad interessare il concorso per la scuola dell’infanzia e primaria (almeno stando alle prime indicazioni in merito); d’altronde è proprio qui che c’è maggiore urgenza di assumere visto che garantire il rispetto delle distanze tra studenti di quell’età non sarà semplice.

Le Graduatorie d’istituto riaprono

Come noto, quest’anno dovrebbe essere in programma l’aggiornamento delle Graduatorie d’istituto, strumento da cui si attinge per l’assegnazione delle supplenze. Tuttavia, come spiegato dal Ministro Azzolina nella conferenza stampa di presentazione del Decreto Scuola, quest’anno l’aggiornamento non si potrà fare visto che l’emergenza da COVID-19 rende impossibile lo svolgimento di tutte le operazioni necessarie.

Una dichiarazione che ha movimentato il mondo dei precari della scuola, in quanto questi aspettano da tre anni di poter aggiornare il loro punteggio in graduatoria. Il loro appello sembra essere stato ascoltato: nel testo che converte in legge il Decreto Scuola, infatti, ci sarà anche un emendamento con il quale sarà disposta la riapertura delle Graduatorie d’istituto.

Nel dettaglio, con questo emendamento le Graduatorie d’Istituto saranno trasformate in provinciali; l’aggiornamento invece sarà tramite modalità informatica. Inoltre, queste dovrebbero essere valide per il conferimento di supplenze nel prossimo biennio.

La certezza, comunque, si avrà solamente con l’approvazione del testo di conversione del Decreto Scuola in legge. Approvazione che dovrà avvenire entro l’8 giugno.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories