Rublo al massimo di 7 anni: cosa significa per la Russia

Violetta Silvestri

20/06/2022

21/06/2022 - 08:35

condividi

Il rublo prosegue il suo rally e tocca nuovi massimi. La valuta russa ora potrebbe essere d’inciampo agli obiettivi economici e finanziari di Mosca, alle prese con sanzioni e squilibri commerciali.

Rublo al massimo di 7 anni: cosa significa per la Russia

Il rublo è salito al livello più alto da luglio 2015, prolungando un rally che sta preoccupando la Banca di Russia in quanto potrebbe minare la competitività delle esportazioni della nazione e le finanze del Governo.

La valuta è salita dell’1,2% a 55,75 rispetto al dollaro, toccando in precedenza 55,44, il valore più forte dall’inizio di luglio 2015. Inoltre, aveva guadagnato lo 0,6% a 58,49 contro l’euro, avvicinandosi al suo livello più forte in quasi cinque anni di 57,10, toccato a maggio.

Perché questa corsa del rublo preoccupa Mosca.

Il rally del rublo agita la Russia: i motivi

I guadagni del rublo arrivano dopo che i responsabili politici hanno abbassato il tasso di riferimento e hanno allentato i controlli sui capitali, imposti in risposta alle sanzioni occidentali.

Il rally ha acceso un dibattito tra le istituzioni di Mosca. Il vice primo ministro Andrey Belousov ha affermato che le autorità hanno discusso di puntare a un tasso sul rublo e di dare priorità alla crescita economica. Ciò richiedeva un tasso di cambio «ottimale» di 70-80 rubli per dollaro, ha affermato.

Poco dopo, però, un banchiere centrale di alto livello ha messo in guardia contro un cambiamento di politica verso il rublo.

“Se attuata, qualsiasi idea relativa all’obiettivo del tasso di cambio porterà inevitabilmente a una diminuzione dell’efficacia e alla perdita della sovranità della politica economica perseguita”, ha affermato il vice governatore Alexey Zabotkin in un’audizione parlamentare sul bilancio.

Il rublo è stato sulle montagne russe dall’invasione russa dell’Ucraina.

La guerra ha inizialmente provocato una disfatta, portando la valuta al minimo storico di 121,5275 per dollaro il 10 marzo, quando gli Stati Uniti e l’Europa hanno cercato di isolare il Paese dal sistema finanziario internazionale. Ma dopo che Mosca ha imposto la vendita obbligatoria in valuta estera agli esportatori e ha richiesto ad alcuni acquirenti di prodotti energetici di pagare in rubli, la valuta si è invertita e ha registrato un aumento del 118%.

Sebbene ciò abbia aiutato la Russia a evitare una crisi valutaria, è diventata una preoccupazione per la banca centrale poiché ha ridotto i ricavi delle esportazioni in termini di valuta locale e ha reso i beni del Paese più costosi all’estero. La banca ha risposto con una raffica di misure di allentamento.

Ciononostante, i guadagni valutari sono proseguiti, sottolineando le aspettative per un più completo allentamento dei controlli sui capitali e misure per rilanciare la domanda dei consumatori e la crescita economica.

Argomenti

# Russia

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.