Riunione Fed oggi 27 luglio: cosa aspettarsi sul nuovo rialzo tassi?

Violetta Silvestri

27 Luglio 2022 - 14:56

condividi

La riunione della Federal Reserve di oggi, 27 luglio, è attesa dai mercati sulla scia della mossa da falco della Bce e dei venti di recessione che soffiano anche negli Usa. Cosa deciderà Powell?

Riunione Fed oggi 27 luglio: cosa aspettarsi sul nuovo rialzo tassi?

Riunione Fed del 27 luglio sotto i riflettori: cosa aspettarsi sul rialzo dei tassi?

Secondo la maggioranza degli analisti, mercoledì il Federal Open Market Committee confermerà le aspettative del mercato e rialzerà il suo tasso di riferimento di 0,75 punti percentuali per il secondo mese consecutivo.

Ciò aumenterà il tasso sui fondi federali a un intervallo target compreso tra il 2,25% e il 2,50%, in linea con le stime a lungo termine dei funzionari di un’impostazione politica neutrale.

Una serie di rialzi è attesa anche oltre luglio, ma con l’emergere di segnali nascenti di sofferenza dei consumatori e le timide previsioni sul superamento del peggiore dei recenti shock inflazionistici, la Fed deve affrontare un compito sempre più difficile: decidere come ricalibrare il proprio percorso in avanti.

I timori di recessione negli Usa non si sono spenti e una politica troppo aggressiva potrebbe alimentarli: cosa dirà Powell e quali previsioni sulla riunione della Federal Reserve del 27 luglio?

Riunione Federal Reserve oggi: le previsioni sui tassi Usa

Si moltiplicano le stime su quanto aumenterà il tasso di interesse Usa in questa riunione di luglio, inquadrando la potenza americana in bilico tra ripresa e recessione.

Secondo gli esperti di ING, dopo un paio di settimane volatili per le aspettative sui tassi di interesse in vista della riunione del FOMC del 27 luglio, ora il mercato sembra stabilizzato su un aumento di 75 punti base. “Ci sono movimenti incoraggianti nei prezzi della benzina, ma continuiamo a cercare aumenti di 50 pb a settembre e novembre con un aumento finale di 25 pb a dicembre. I rischi di recessione persistono con i tagli dei tassi nel nostro caso base per l’estate 2023.”

Dopo l’inflazione Usa del 9,1% e il sorprendente aumento del tasso di 100 punti base della Bank of Canada, il mercato è rimasto indietro con l’idea che la Federal Reserve potrebbe seguire l’esempio. I numeri delle vendite al dettaglio e della produzione industriale della scorsa settimana sono stati contrastanti e il numero delle abitazioni di questa settimana è stato debole. L’indice del sentiment dell’Università del Michigan di venerdì scorso ha mostrato che la fiducia tra le famiglie è in crisi mentre, cosa importante, le aspettative di inflazione a lungo termine sono diminuite.

Stando a Bloomberg Economics, un aumento di 75 punti base può raggiungere la giusta stabilità. “La possibilità che l’inflazione si sviluppi al rialzo è eccessiva. Con le istanze di Covid in aumento ancora una volta e il conflitto in Ucraina che ancora imperversa, è possibile che lo shock finale non sia arrivato.”

La discussione sulla riunione Fed è in realtà ampia e guarda molto al prossimo futuro. Secondo Robert Armstrong su Financial Times, “la domanda più importante, per gli investitori e per la stessa Fed, è come risponderà la banca all’arrivo di nuovi dati nei mesi a venire, soprattutto se questi dati seguono l’attuale tendenza, che ha suggerito che l’attività economica rallenterà presto e che l’inflazione è ha già superato il suo picco in settori chiave come i prezzi delle case e le materie prime.”

Cosa farà la banca centrale Usa quando l’inflazione è ancora molto alta, ma chiaramente in calo, e la disoccupazione è ancora molto bassa, ma chiaramente in aumento? “Ci sono buone probabilità che ci troveremo in una situazione del genere tra non molto, e parlando per me non sono affatto sicuro di quanto velocemente la Fed si tirerà indietro in quelle circostanze”, ha commentato Armstrong.

Il dilemma resta forte per la riunione Fed di luglio e per le prossime: combattere l’inflazione o guardare a una possibile recessione?

“Si sono assunti la piena responsabilità dell’inflazione, eppure l’inflazione che stanno cercando di ridurre con gli strumenti di politica monetaria ha cause che non sono di natura monetaria”, ha affermato Dennis Lockhart, ex presidente della Fed di Atlanta. “Quando ti trovi in ​​quella situazione, potresti essere tentato di sforzarti di più”. Lockhart avverte che ora c’è un rischio maggiore che la Fed vada avanti troppo a lungo e faccia troppo.

Con una recessione ormai non impossibile e i consumatori che iniziano a sentire il pizzico di costi di finanziamento più elevati, secondo Diane Swonk, capo economista di KPMG, il lavoro della Fed è destinato a diventare molto più impegnativo.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.