Riordino carriere: in anteprima le tappe della riforma e i nuovi gradi (IMMAGINI)

Simone Micocci

21 Luglio 2017 - 11:04

condividi

Forze Armate, ultime novità riordino: ecco il calendario delle novità per le retribuzioni e le immagini in anteprima dei nuovi gradi.

Riordino carriere: in anteprima le tappe della riforma e i nuovi gradi (IMMAGINI)

Riordino delle carriere delle Forze Armate, ultime novità: quali sono le tappe della riforma? Come cambieranno i gradi vista l’introduzione dei nuovi ruoli?

Nonostante il testo del riordino delle carriere sia stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale qualche settimana fa, ci sono ancora degli aspetti poco chiari che vale la pena approfondire.

Ad esempio, in queste settimane ci sono arrivati diversi messaggi nei quali ci vengono chiesti chiarimenti sulle tappe della riforma, specialmente per quanto riguarda gli stipendi.

Inoltre, tra le novità della riforma che ha introdotto diversi cambiamenti per la carriera delle Forze Armate ce n’è una prettamente stilistica: i gradi per i nuovi ruoli introdotti dal riordino.

Ad oggi non sono state ancora ufficializzate le nuove insegne di qualifica che potranno indossare le Forze dell’Ordine, come ad esempio per i nuovi gradi di Coordinatore della Polizia di Stato.

Nel frattempo cominciano ad essere diffuse le prime immagini di quelli che potrebbero essere i nuovi gradi delle Forze Armate una volta che il riordino sarà a regime. Sul portale InfoDifesa.it, ad esempio, sono stati pubblicati in anteprima i nuovi gradi dell’Arma dei Carabinieri, mentre per quelli della Polizia di Stato sembrano confermati quelli circolati nei mesi scorsi.

Naturalmente i nuovi gradi delle Forze Armate non sono la novità più importante del riordino, ma è comunque interessante vedere qual è il design scelto per i nuovi ruoli.

A proposito di riordino, ricordiamo che nella giornata di ieri è stata pubblicata dal Ministero della Difesa la circolare in merito ai nuovi stipendi per le Forze Armate e sulle novità dal punto di vista previdenziale.

Un argomento che immaginiamo interesserà a tutto il personale militare - il quale finalmente potrà beneficiare di un piccolo aumento di stipendio - e che potete approfondire consultando il nostro articolo di approfondimento. Di seguito invece trovate le informazioni su come cambieranno le retribuzioni nei prossimi mesi, dal Bonus 80 euro a quello una tantum riconosciuto al personale dei gradi apicali.

Ma torniamo all’argomento con il quale abbiamo aperto questo articolo: i nuovi gradi per le Forze Armate. Ecco una raccolta delle immagini, ufficiose ma non ancora ufficiali, di come cambieranno le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere.

Riordino delle carriere: nuovi gradi per le Forze Armate in anteprima

Probabilmente le insegne di qualifica per i nuovi ruoli previsti dal riordino saranno ufficializzate solo dopo l’estate, ma per alcuni corpi possiamo già darvi alcune anticipazioni. È il caso dei Carabinieri, per i quali sono stati mostrati in anteprima i gradi dei nuovi ruoli apicali: il Luogotenente carica speciale, il Brigadiere Capo qualifica speciale e l’Appuntato scelto qualifica speciale.

In merito ai nuovi gradi dei Carabinieri si è espresso il delegato Co.Ce.R. Giuseppe La Fortuna, il quale alla domanda “cosa penso dei nuovi distintivi di grado?” ha risposto: “Che abbiamo speso 1 milione di euro”.

Una risposta polemica non solo per i nuovi gradi ma verso tutto l’impianto del riordino, definito come una riforma in grado di accontentare meno del 50% del personale militare, introdotta per “decontrattualizzare gli ufficiali rendendoli dirigenti già dal grado di maggiore e liberi dalla paura di un potenziale blocco stipendiale”.

Per quanto attiene alla Polizia di Stato, invece, le nuove effige per i ruoli previsti dal riordino dovrebbero essere le seguenti:

Riordino delle carriere: il calendario della riforma

Con la pubblicazione del testo del riordino in Gazzetta Ufficiale la riforma può entrare ufficialmente in vigore, seppure in maniera graduale.

Ad esempio, il bonus di 80 euro che con il riordino diventerà strutturale in busta paga, sarà corrisposto regolarmente fino al 30 settembre, mentre il 1° ottobre il personale delle Forze Armate riceverà un assegno una tantum del valore di 240€ comprensivo del bonus riconosciuto per gli ultimi tre mesi dell’anno.

A partire dal 1° ottobre, poi, ci sarà l’introduzione dei nuovi parametri stipendiali fino al grado di Capitano, come vi abbiamo parlato nel nostro articolo di approfondimento- Riordino delle carriere Forze Armate e di Polizia: aumento di stipendio per chi non avanza di grado.

Entro il 31 dicembre di quest’anno ci sarà il versamento dell’assegno una tantum riconosciuto in favore del personale dei ruoli apicali.

Dal 1° gennaio 2018 ci sarà l’introduzione di diverse novità fino a quando il riordino non entrerà completamente a regime:

  • introdotte le nuove progressioni di carriera;
  • nuova misura di defiscalizzazione degli stipendi per il personale militare con reddito inferiore ai 28.000 euro, così da permettere ai gradi più bassi di beneficiare della riduzione dell’imposta sul reddito (Irpef);
  • dirigenzializzazione degli ufficiali delle Forze dell’Ordine.
  • introduzione del ruolo di Luogotenente.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it