Rimborso 730/2021 per i pensionati, attesa più lunga

Anna Maria D’Andrea

19 Maggio 2021 - 16:28

condividi

Rimborso fiscale modello 730/2021, si allungano i tempi di attesa per i pensionati che, rispetto ai lavoratori dipendenti, dovranno attende due mesi dalla data di invio della dichiarazione dei redditi prima del pagamento della somma riconosciuta.

Rimborso 730/2021 per i pensionati, attesa più lunga

Rimborso fiscale con tempi d’attesa più lunghi per i pensionati: la data di accredito continua ad essere legata alla data di trasmissione del modello 730/2021, ma con regole specifiche.

A partire dallo scorso anno sono cambiate le regole in merito al pagamento dei rimborsi IRPEF.

L’effetto della scadenza lunga per l’invio del modello 730/2021 è che la data di accredito del rimborso fiscale, così come quella per le operazioni di conguaglio a debito, non è uguale per tutti ma dipende da quando si invia la dichiarazione dei redditi.

Una regola che riguarda anche i pensionati, che già in precedenza ricevevano il rimborso IRPEF con un mese più d’attesa rispetto ai dipendenti.

Rimborso 730/2021 per i pensionati, attesa più lunga: pagamento ad agosto in caso di invio entro il 31 maggio

Non è più luglio il mese a partire dal quale partono i rimborsi IRPEF, ma per capire quando viene accreditata la somma spettante è necessario prendere come riferimento il momento in cui si invia il modello 730/2021.

Per quel che riguarda i titolari di pensioni, è bene evidenziare che già negli scorsi anni i rimborsi fiscali venivano erogati con un mese di ritardo rispetto a quanto previsto per i dipendenti.

Il mese per l’accredito della somma emersa dal modello 730 era agosto per tutti, salvo i casi particolari di controlli preventivi effettuati dal Fisco.

Il decreto Fiscale n. 124/2019, all’articolo 16-bis, ha invece disegnato un meccanismo mobile.

Alla luce della scadenza lunga per l’invio, fissata al 30 settembre, la data per l’erogazione dei rimborsi fiscali è stata legata a quella di trasmissione del modello 730/2021.

Per i pensionati, la regola generale prevede che l’INPS o il diverso ente erogatore dell’assegno effettui il pagamento del rimborso fiscale a partire dal secondo mese successivo a quello di ricevimento dei dati del prospetto di liquidazione da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Per continuare a ricevere il rimborso IRPEF ad agosto, bisognerà trasmettere il modello 730 entro il 31 maggio 2021.

Rimborso modello 730/2021 sulla pensione di novembre per chi invia la dichiarazione a settembre

Sono sei gli slot temporali di trasmissione che scandiscono i tempi per l’accredito dei rimborsi fiscali che, come sopra evidenziato, spettano ai pensionati dopo due mesi dalla data di elaborazione del modello 730/2021.

Entro il 15 giugno, CAF o professionisti comunicano all’Agenzia delle Entrate il risultato delle dichiarazioni presentate entro il 31 maggio. Sono queste le prime che verranno liquidate in caso di rimborso IRPEF e per le quali, in caso di conguaglio a debito, parte la trattenuta a partire da settembre.

Le dichiarazioni presentate fino al 20 giugno vengono invece comunicate entro la fine del mese. Il 23 luglio tocca a quelle presentate fino al 15 luglio, a metà settembre tocca a chi ha trasmesso il modello 730/2021 entro il 31 agosto ed infine sarà il turno di chi presenterà la dichiarazione dei redditi entro la scadenza del 30 settembre.

Questi ultimi riceveranno l’eventuale rimborso spettante soltanto a novembre.

Iscriviti a Money.it