Revoca concessioni autostrade: il testo integrale della lettera inviata dal Governo

Entro il 1° settembre prossimo Autostrade per l’Italia dovrà inviare al Ministero delle Intrastrutture e dei Trasporti una relazione dettagliata in cui indica tutti i lavori posti in essere per assicurare la funzionalità dell’infrastuttura

Revoca concessioni autostrade: il testo integrale della lettera inviata dal Governo

Dopo il crollo del ponte di Genova dello scorso 14 agosto il Governo guidato da Giuseppe Conte ha annunciato l’intenzione di modificare il sistema delle concessioni autostradali, arrivando a revocare la concessione di Autostrade per l’Italia.

In attesa vedere cosa emergerà dai primi rilievi giudiziari, venerdì scorso il Direttore Generale SVCA del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha inviato ad Atlantia una lettera con cui ha avviato l’iter per la revoca della concessione. Quest’oggi la società della famiglia Benetton ha confermato di aver ricevuto la missiva.

Il Ministero ha indicato in 15 giorni il tempo massimo entro cui Autostrade per l’Italia dovrà fornire una dettagliata relazione di tutti gli adempimenti posti in essere per assicurare la funzionalità dell’infrastruttura in questione e prevenire lo specifico evento accaduto. Entro il 1° settembre la società dovrà dunque fornire tutti gli elementi richiesti dal Governo.

Il testo integrale della lettera

Oggetto: Gestione del rapporto concessorio – Obblighi connessi alla gestione e manutenzione delle infrastrutture – Contestazione di grave inadempimento del concessionario.

Si fa riferimento al disastro e agli sciagurati eventi verificatisi in data 14 agosto u.s., in dipendenza del crollo di una sezione del viadotto Polcevera localizzato sull’autostrada A10 Genova - Savona, assentito in concessione a codesta Società in forza della Convenzione di concessione sottoscritta in data 4 agosto 1997 e delle successive integrazioni intervenute con Convenzioni aggiuntive del 15 gennaio 1998, 29 marzo 1999, 21 maggio 1999, 23 dicembre 2002 nonché con la Convenzione Unica sottoscritta il 12 ottobre 2007 e l’atto Aggiuntivo alla Convenzione Unica del 24 dicembre 2013.

In relazione a tale disastro si avvia, in modo formale, la contestazione del gravissimo inadempimento di codesta Società agli obblighi di manutenzione (ordinaria e straordinaria) e custodia, in oggettiva considerazione del collasso dell’infrastruttura, delle vittime accertate e degli ingenti danni riportati ai beni anche di soggetti terzi, senza considerare l’interruzione del sistema di viabilità e quindi la compromissione della funzionalità delle infrastrutture concesse.

A seguito della contestazione in oggetto, e all’esito della valutazione delle controdeduzioni che codesta Società farà pervenire, si fa riserva di esperire tutte le iniziative di tutela apprestate dall’ordinamento giuridico, ferma restando l’idoneità della presente ad attivare i procedimenti di cui agli artt. 8, 9 e 9-bis della Convenzione di concessione.

Considerata la natura e le caratteristiche dell’evento che si è prodotto e dell’esteso allarme sociale che ne sta derivando, si fa riserva di sottoporre alle competenti Autorità di Governo ogni valutazione in ordine al miglior soddisfacimento dei molteplici interessi pubblici coinvolti, che attengono al piano della tutela della vita, della salute e della sicurezza dei cittadini e degli utenti delle infrastrutture.

Alla luce degli specifici poteri e compiti ricadenti su codesta Società ai sensi dell’art. 14 del Codice della Strada nonché degli obblighi connessi alla gestione e manutenzione del corpo autostradale definiti dalla Convenzione di concessione, si richiede di inoltrare alla scrivente Direzione Generale, entro 15 giorni dalla data odierna, una dettagliata relazione nella quale sia fornita chiara evidenza di tutti gli adempimenti posti in essere per assicurare la funzionalità dell’infrastruttura in questione e prevenire lo specifico evento accaduto, con allegato ogni atto posto in essere al fine di garantire il mantenimento della funzionalità dell’infrastruttura e volto a prevenire il crollo poi in effetti verificatosi.

Fatta salva, in caso di accertata responsabilità del concessionario, ogni integrale tutela in ordine ai danni e ai pregiudizi derivanti dalle inadempienze contrattuali, si resta in attesa di valutare le iniziative di risarcimento anche in forma specifica per i danni patrimoniali e non patrimoniali che codesta Società riterrà di formulare.

IL DIRETTORE GENERALE
Dott. Vincenzo Cinelli

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Borsa Italiana

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.