Fondo perduto attività chiuse, i codici tributo per restituire il contributo non spettante

Rosaria Imparato

5 Gennaio 2022 - 09:35

condividi

I codici tributo per la restituzione del fondo perduto attività chiuse non spettante sono stati istituiti con la risoluzione del 4 gennaio 2022: vediamo le istruzioni delle Entrate per il modello F24.

Fondo perduto attività chiuse, i codici tributo per restituire il contributo non spettante

Sono pronti i codici tributo per la restituzione del contributo a fondo perduto destinato alle attività chiuse qualora risulti non spettante. L’Agenzia delle Entrate ha istituito i suddetti codici con la risoluzione n. 2 del 4 gennaio 2022.

Il contributo a fondo perduto a cui i codici tributo si riferiscono è quello destinato ai soggetti economici che hanno interrotto per almeno 100 giorni tra il 1° gennaio e il 25 luglio 2021 la propria attività. Gli altri requisiti sono:

  • partita IVA attiva in data antecedente al 26 maggio 2021;
  • la cui attività prevalente risultante all’Anagrafe tributaria alla data del 26 maggio 2021 è individuata dai codici Ateco 2007 elencati nell’allegato 1 del decreto MiSE del 9 settembre.

Vediamo quali sono i codici tributo per la restituzione del fondo perduto non spettante e le istruzioni per la compilazione del modello F24.

Fondo perduto attività chiuse, i codici tributo per restituire il contributo non spettante

I codici tributo sono stati istituiti con la risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n.2 del 4 gennaio 2022 per consentire la restituzione spontanea del contributo a fondo perduto non spettante, erogato con accredito su conto corrente, insieme al versamento dei relativi interessi e sanzioni. Va usato il modello F24 Elide.

I codici tributo da usare sono i seguenti:

  • 8137” denominato “Contributo a fondo perduto per attività chiuse – Restituzione spontanea - CAPITALE – art. 2, DL n. 73 del 2021 e art. 11, DL n. 105 del 2021”;
  • 8138” denominato “Contributo a fondo perduto per attività chiuse – Restituzione spontanea - INTERESSI – art. 2, DL n. 73 del 2021 e art. 11, DL n. 105 del 2021”;
  • 8139” denominato “Contributo a fondo perduto per attività chiuse – Restituzione spontanea - SANZIONE – art. 2, DL n. 73 del 2021 e art. 11, DL n. 105 del 2021”.

Restituzione fondo perduto attività chiuse: le istruzioni per il modello F24 Elide

Per la restituzione del contributo non spettante va usato il modello F24 Versamenti con elementi identificativi, il cosiddetto modello Elide.

I codici tributo sono esposti in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati”, denotando:

  • nella sezione “CONTRIBUENTE”, nei campi “codice fiscale” e “dati anagrafici”, il codice fiscale e i dati anagrafici del soggetto tenuto al versamento;
  • nella sezione “ERARIO ED ALTRO”, sono indicati:
    • nel campo “tipo”, la lettera “R”;
    • nel campo “elementi identificativi”, nessun valore;
    • nel campo “codice”, uno dei codici tributo istituiti con la risoluzione in commento (8137, 8138 oppure 8139);
    • nel campo “anno di riferimento”, l’anno in cui è stato riconosciuto il contributo, nel formato “AAAA”;
    • nel campo “importi a debito versati”, l’importo del contributo a fondo perduto da restituire, ovvero l’importo della sanzione e degli interessi, in base al codice tributo indicato.

Lasciamo in allegato la risoluzione del 4 gennaio 2022.

Risoluzione AdE n. 2/E del 4 gennaio 2022
Istituzione dei codici tributo per la restituzione spontanea, tramite il modello “F24 Versamenti con elementi identificativi”, del contributo a fondo perduto non spettante di cui all’articolo 2 del decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 luglio 2021, n. 106, e all’articolo 11 del decreto-legge 23 luglio 2021, n. 105, convertito, con modificazioni, dalla legge 16 settembre 2021, n. 126

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it