Zona gialla, regole: cosa si può e non si può fare

Isabella Policarpio

21/07/2021

23/07/2021 - 12:42

condividi

Alcune regioni potrebbero tornare in zona gialla. Cosa si può fare e quali regole in vigore per spostamenti, bar e ristoranti?

 Zona gialla, regole: cosa si può e non si può fare

È ancora utile parlare delle regole della zona gialla? Purtroppo sì, dato che a causa dell’aumento dei positivi alcune regioni rischiano di passare dal bianco alla zona gialla dal 26 luglio e per tutta l’estate 2021.

Cosa non si può fare in zona gialla e le attività aperte è stabilito nei vecchi Dpcm: ad esempio cambiano le regole per bar e ristoranti e torna l’obbligo della mascherina all’aperto. Le differenze tra zona bianca e gialla sono meno marcate rispetto ai mesi scorsi, per via del venir meno di alcuni divieti, in primis quello di consumare all’interno dei locali.

Ecco quali regole potrebbero tornare in vigore nei mesi di luglio-agosto.

Zona gialla: regole per bar e ristoranti

In bar, ristoranti, pizzerie e tavole calde non si può stare seduti in più di 4 persone per tavolo, sia dentro che fuori (in zona bianca fino a 6 persone all’interno e nessun limite all’esterno). Questo potrebbe cambiare l’organizzazione di matrimoni, battesimi e comunioni.
Per consumare all’interno è obbligatorio mostrare il green pass (tranne per il consumo al bancone).

Spostamenti

Spostarsi tra regioni gialle e bianche non è vietato mentre per raggiungere aree in fascia arancione e rossa è necessaria l’autocertificazione.

Green pass in zona gialla

In zona gialla, come nel resto del Paese, per i viaggi all’estero serve il green pass che viene rilasciato a chi ha fatto il vaccino, è guarito dal Covid-19 o ha effettuato un tampone con esito negativo nelle 48 ore precedenti.
Il certificato verde non serve per viaggiare su treni, aerei, autobus e soggiornare negli hotel.

Negozi e centri commerciali

Nessun limite di apertura per negozi e centri commerciali, questi ultimi sono regolarmente in funzione di sabato e domenica. Al loro interno è obbligatorio d’uso della mascherina.

Visite ad amici e parenti

Le visite in casa, stando alle vecchie regole, sono consentite una volta al giorno, dentro la regione o in altre zone gialle, fino a 4 persone; dal conteggio sono esclusi i figli minori di 18 anni (non più 14) e i conviventi disabili o non autosufficienti.

Musei, teatri e spettacoli culturali

In zona gialla la capienza consentita per spettacoli ed eventi non può essere superiore al 50% di quella autorizzata e il numero massimo di spettatori non può superare i 2.500 posti all’aperto e i 1.000 per gli spettacoli in luoghi chiusi, per ogni singola sala. Il green pass, anche in questo caso, è obbligatorio.

Sport all’aperto, palestre e piscine

Si può fare sport all’aperto, senza mascherina e a qualsiasi ora; palestre e piscine (sia all’aperto che al chiuso) sono aperte nel rispetto delle generali regole di contingentamento e sanificazione e con obbligo di green pass. All’ingresso è obbligatorio misurare la temperatura ed è da favorire la prenotazione degli ingressi. Mentre si eseguono gli esercizi si può abbassare la mascherina.

Argomenti

# DPCM

Iscriviti a Money.it