Recessione inevitabile in Europa e nel mondo: come sarà?

Violetta Silvestri

5 Ottobre 2022 - 11:06

La recessione è all’orizzonte e difficilmente potrà essere evitata: questa è quanto emerge dagli ultimi dati deludenti sull’Eurozona e da un’indagine tra i CEO a livello mondiale.

Recessione inevitabile in Europa e nel mondo: come sarà?

La recessione non si potrà evitare: un calo sempre più accentuato dell’attività economica nell’Eurozona a settembre sta togliendo ogni speranza che la regione eviti la congiuntura dell’economia, mentre l’inflazione elevata mette pressione sulla Banca centrale europea.

Gli ultimi dati sul PMI composito e dei servizi hanno aggiunto pessimismo sulla situazione della regione a moneta unica, indicando una frenata che è andata a sommarsi al risultato in diminuzione anche della produzione manifatturiera.

Inoltre, alcuni CEO a livello globale si sono espressi a favore di una recessione nei prossimi 12 mesi, secondo un nuovo sondaggio della società di servizi professionali KPMG.

Europa e potenze mondiali sembrano quindi destinati alla congiuntura economica: come sarà la recessione?

Europa in recessione: perché è sempre più probabile

I numeri hanno parlato chiaro: l’indice composito finale dei gestori degli acquisti (PMI) di S&P Global per la zona euro, visto come un buon indicatore della salute economica, è sceso a un minimo di 20 mesi di 48,1 a settembre da 48,9 di agosto, al di sotto di una stima preliminare di 48,2. Qualsiasi valore inferiore a 50 indica una contrazione.

Chris Williamson, capo economista aziendale presso S&P Global Market Intelligence ha commentato in modo esplicito i risultati:

“Qualsiasi speranza che la zona euro eviti la recessione è ulteriormente delusa dal calo crescente dell’attività imprenditoriale segnalato dal PMI. Non solo il sondaggio indica un peggioramento della recessione economica, ma anche il quadro dell’inflazione si è deteriorato, il che significa che i responsabili politici affrontano un rischio crescente di un atterraggio duro mentre cercano di frenare l’accelerazione dell’inflazione”

L’indice composito dei prezzi di input e di quelli output sono cresciuti notevolmente. Il PMI dei prezzi di input è balzato a 77,1 da 72,3. L’aumento dei prezzi, in particolare dei costi energetici, insieme a prospettive economiche cupe hanno tenuto i consumatori diffidenti e il PMI per l’industria dei servizi dominante del blocco è sceso a 48,8 il mese scorso da 49,8, il livello più basso da febbraio 2021.

“L’aumento dell’inflazione, legato alla crisi energetica e alla guerra in Ucraina, sta distruggendo la domanda mentre la fiducia delle imprese sta crollando a livelli mai visti dalla crisi del debito della regione nel 2012, escludendo i blocchi pandemici”, ha affermato Williamson.

Il calo dell’attività in tutta la regione, ma con prezzi in aumento molto più velocemente di quanto vorrebbe la Bce, lascia la banca centrale sul filo del rasoio mentre cerca di ridurre l’inflazione e allo stesso tempo di sostenere la crescita. Il mese scorso la banca centrale ha alzato i suoi tassi di interesse chiave di 75 punti base senza precedenti e ha promesso ulteriori aumenti.

Una combinazione di questi fattori negativi ha significato un forte calo dell’ottimismo. L’indice delle aspettative delle imprese di servizi è sceso a 53,6 da 56,6, il livello più basso da maggio 2020, quando la pandemia di coronavirus stava consolidando la sua presa sul mondo.

Come sarà la recessione nel mondo?

Non solo Europa alle prese con la congiuntura e i problemi di crisi energetica. Secondo un sondaggio KPMG più della metà dei leader aziendali intervistati prevede che ci sarà una recessione nel mondo, anche se il rallentamento sarà “lieve e breve”.

La maggior parte dei 1.300 amministratori delegati chiamati in causa tra luglio e agosto ha avvertito, tuttavia, che maggiori interruzioni, come una recessione, potrebbero rendere difficile per le loro attività la ripresa dalla pandemia.

Tuttavia, occorre sottolineare che gli amministratori delegati hanno espresso più ottimismo rispetto all’inizio dell’anno e hanno affermato che ci sarebbero prospettive di crescita nel prossimo triennio. La cautela, però, resta d’obbligo.

In tutto il mondo, a parte le recessioni e l’impatto economico dell’aumento dei tassi di interesse, i CEO sono infatti preoccupati anche per la stanchezza provocata dagli strascichi della pandemia. Oltre alle sfide immediate come una recessione, i leader aziendali affermano di rimanere sotto pressione per far fronte alle loro più ampie responsabilità sociali di fronte al controllo pubblico su target aziendali e su responsabilità ambientali, sociali e di governance (ESG).

Da sottolineare, che in Asia-Pacifico, meno CEO si aspettano una recessione. Tra gli intervistati, il 63% ne prevede una nel prossimo anno rispetto all′86% a livello globale. Ma sono anche meno ottimisti sulla crescita nei prossimi tre anni rispetto ai loro colleghi globali.

A livello mondiale e in Asia-Pacifico, circa il 20% afferma che non amplierà le assunzioni nei prossimi tre anni e manterrà il proprio organico o lo ridurrà ulteriormente.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo