La recessione è nell’aria dopo i dati di Germania e Usa

Violetta Silvestri

29/07/2022

29/07/2022 - 14:58

condividi

La recessione sta arrivando o sarà evitata? Un quesito lecito e dalla risposta non scontata leggendo i dati poco incoraggianti di potenze quali Usa e Germania. Quali segnali arrivano sulla crescita?

La recessione è nell'aria dopo i dati di Germania e Usa

Dall’Eurozona agli Stati Uniti, il vento di recessione sembra soffiare, ma non ancora davvero forte.

I dati del Prodotto interno lordo delle più importanti potenze economiche sono osservati speciali da mesi, per captare se ci sono segnali di un rallentamento preoccupante, mentre inflazione e crisi energetica preoccupano il mondo.

Da Usa e Germania, per esempio, i risultati appena aggiornati sul Pil non sono incoraggianti e hanno riacceso l’allarme recessione.

Le prospettive dell’Europa per i prossimi mesi sono incerte. Mentre la stagione turistica estiva sta dando una spinta ai Paesi del sud, le proiezioni per il futuro vengono ridimensionate, poiché le minacce energetiche del Cremlino, i persistenti blocchi nell’offerta e la crescita record dei prezzi al consumo deprimono la domanda e la produzione.

Negli Usa, l’economia statunitense si è contratta per il secondo trimestre consecutivo, facendo invocare gli scenari di una recessione tecnica.

In Eurozona la Germania può cadere in recessione

L’economia tedesca ha ristagnato nel secondo trimestre, come mostrano i dati di venerdì, con la guerra in Ucraina, la pandemia e le interruzioni dell’offerta che hanno portato la locomotiva europea sull’orlo di una recessione.

Il contesto è parso, invece, più favorevole agli altri Paesi. L’Eurozona ha visto una crescita di oltre tre volte l’importo previsto dagli economisti, posizionandola su basi più solide nello scenario preoccupante di un’inflazione ancora alta e di un possibile taglio energetico russo.

Spagna e Italia hanno entrambe registrato una crescita nel secondo trimestre dell’1% o più rispetto ai tre mesi precedenti, sostenute da un afflusso di turisti post-lockdown. Il prodotto interno lordo francese è aumentato dopo una contrazione a sorpresa all’inizio del 2022.

Il clima è decisamente più cupo in Germania. Il sentimento economico è così negativo in questi giorni che la stagnazione sembra quasi una buona notizia, hanno affermato gli analisti, i quali hanno aggiunto che senza inversione di tendenza in vista e incertezza sull’approvvigionamento energetico quest’inverno, le condizioni sono mature per una recessione.

Fritzi Koehler-Geib della banca di sviluppo statale KfW ha affermato che “è nell’aria una recessione” con il crollo dell’indice Ifo sul clima aziendale, che questo mese ha toccato il minimo da due anni, e l’indice dei responsabili degli acquisti, che ha visto letture flash al di sotto del segno di crescita.

Da sottolineare, inoltre, che Il Fondo monetario internazionale ha dichiarato questa settimana che la Germania sarà la nazione con le peggiori performance nel G7 nel 2022 a causa della dipendenza del suo enorme settore industriale dal gas naturale russo.

Usa un bilico: recessione o no?

Dall’altra parte dell’oceano non festeggiano gli Usa. Il prodotto interno lordo è sceso dello 0,9% a un ritmo annualizzato per il periodo, secondo il dato preliminare. Ciò segue un ribasso dell′1,6% nel primo trimestre.

Il calo del Pil della potenza mondiale è derivato da un’ampia serie di fattori, tra cui la diminuzione delle scorte, degli investimenti residenziali e non residenziali e della spesa pubblica a livello federale, statale e locale. Gli investimenti interni privati ​​lordi sono crollati del 13,5% nel periodo di tre mesi.

La spesa dei consumatori, misurata attraverso le spese per consumi personali, è aumentata solo dell′1% per il periodo in quanto l’inflazione ha accelerato. La spesa per servizi è cresciuta nel periodo del 4,1%, ma è stata compensata da cali dei beni non durevoli del 5,5% e dei beni durevoli del 2,6%.

Dopo aver registrato il suo più forte guadagno dal 1984 lo scorso anno, l’economia statunitense ha iniziato a rallentare all’inizio di quest’anno a causa di una confluenza di fattori.

I problemi della catena di approvvigionamento, causati inizialmente dalla domanda smisurata di beni rispetto ai servizi durante la pandemia di Covid, erano al centro del problema. Ciò si è intensificato solo quando la Russia ha invaso l’Ucraina a febbraio e, più recentemente, quando la Cina ha adottato rigide misure di chiusura per combattere un’esplosione di casi di Covid.

Il tutto, nella cornice di un’inflazione galoppante e di una Fed molto decisa e aggressiva sui tassi.

“...un secondo trimestre negativo consecutivo per il Pil fornisce ulteriori prove del fatto che, nella migliore delle ipotesi, lo slancio economico ha continuato il suo marcato rallentamento”, ha affermato Jim Baird, chief investment officer di Plante Moran Financial Advisors, interpellato da Cnbc. “Il percorso per la Fed di aumentare i tassi di interesse senza spingere l’economia in recessione è diventato eccezionalmente stretto. C’è una possibilità crescente che potrebbe essere già chiuso.”

Per adesso, comunque, si rimane a monitorare. Il segretario al Tesoro Janet Yellen ha affermato che le cifre che mostrano due cali diretti del prodotto interno lordo degli Stati Uniti non dimostrano che il Paese sia ora in recessione.

Una vera recessione è un ampio indebolimento dell’economia, ha affermato Yellen in una conferenza stampa giovedì ore dopo i dati sul Pil del secondo trimestre. “Non è quello che stiamo vedendo in questo momento”.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.