Rating Italia: S&P crede nella ripresa, Recovery Fund è fondamentale

Le indicazioni positive arrivate venerdì dall’agenzia S&P, che ha confermato il rating dell’Italia e alzato l’outlook, hanno sorpreso un po’ tutti. Per Edoardo Fusco Femiano, market analyst di eToro in Italia, la decisione conferma la centralità del Recovery Fund.

Rating Italia: S&P crede nella ripresa, Recovery Fund è fondamentale

La scorsa settimana si è chiusa con una notizia positiva per il nostro Paese: nel confermare il rating sovrano dell’Italia a “BBB”, l’agenzia S&P ha annunciato di aver migliorato l’outlook da “negativo” a “stabile”.

Ad una conferma del rating che non era scontata, anche alla luce delle valutazioni da parte delle altre agenzie, si è quindi aggiunto il miglioramento delle prospettive, che in pochi avevano stimato.

La valutazione da parte dell’agenzia è stata dettata dalle misure fiscali straordinarie attuate dal Governo per fronteggiare il blocco economico necessario a frenare l’avanzata della pandemia.

Rating Italia: cosa ha detto S&P

“La pandemia ha colpito duramente l’Italia e secondo le nostre stime il Pil non tornerà al livello del 2019 prima del 2023”, riporta la nota diffusa dall’agenzia.

Per fronteggiare il contesto eccezionale, continua S&P, il governo ha introdotto misure fiscali straordinarie pari al 6,1% del Pil e redatto un budget 2021 proiettato alla crescita “con inclusi stimoli addizionali”.

Fai trading ora con eToro Demo gratuita

L’azione dell’esecutivo ha fatto il paio con l’intervento della Banca Centrale Europea che “ha esteso la dimensione e la durata” dei programmi di acquisto asset. Il mix fiscale a livello nazionale e fiscale su base europea ha così portato al miglioramento dell’outlook.

Rating Italia: eToro, fondamentale l’impatto del Recovery Fund

"La decisione di S&P di portare l’outlook dell’Italia da negativo a stabile è stata piuttosto inaspettata. Sorprende ancora di più il fatto che S&P risulti essere più ottimista del governo italiano stesso, sia in termini di contrazione del PIL nel 2020 (-8,9% vs -9%) che di crescita del PIL (6,1% vs 6,0%) nel 2021”. Così Edoardo Fusco Femiano, market analyst di eToro in Italia, ha commentato la decisione dell’agenzia

“L’Italia –continua l’esperto- dovrebbe beneficiare del Recovery and Resilience Fund, che è destinato a erogare fino al 12,5% del PIL in prestiti e contributi, fornendo al governo la flessibilità fiscale necessaria per riportare il Bel Paese su un percorso di crescita economica”.

La decisione di S&P conferma la generale percezione del Recovery and Resilience Fund “quale strumento principale per stimolare il consolidamento fiscale nell’eurozona".

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Rating

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.