Rally estivo sta per finire a Wall Street? 5 motivi di cautela

Violetta Silvestri

20/08/2022

20/08/2022 - 16:40

condividi

Dal rally al crollo: questo potrebbe essere l’andamento azionario a Wall Street. Dopo il calo di venerdì degli indici, alcuni si chiedono cosa ne sarà degli asset di rischio: 5 motivi d cautela.

Rally estivo sta per finire a Wall Street? 5 motivi di cautela

Alcuni strateghi del mercato finanziario stanno iniziando a preoccuparsi che il rally estivo di Wall Street possa iniziare a svanire, dopo che le azioni sono rapidamente passate dall’ipervenduto all’ipercomprato.

Gene Goldman, chief investment officer di Cetera Financial Group, ha spiegato su Marketwatch che le azioni sono probabilmente destinate a un ritiro, anche se l’economia è in uno stato di salute migliore di quanto molti americani pensino.

A sostegno di questo punto di vista, ha indicato almeno 5 ragioni per cui il crollo delle azioni di venerdì 19 agosto potrebbe continuare nella prossima settimana, e forse più a lungo, anche se rimane rialzista sui titoli in un orizzonte temporale più lungo.

1. Settori difensivi in auge

I settori ciclici hanno sovraperformato con le azioni in aumento a luglio e all’inizio di agosto. Tuttavia, questa tendenza sembrava volgere al termine questa settimana, quando i settori difensivi hanno ripreso il comando.

“Un segno che gli investitori stanno diventando nervosi è che i ciclici hanno sottoperformato i settori difensivi, e lo stiamo iniziando a vedere ora”, ha affermato Goldman.

Nell’ultima settimana, i titoli dei beni di prima necessità e i servizi di pubblica utilità sono stati i due migliori tra gli 11 settori dell’S&P 500. Di conseguenza, l’ exchange traded fund che replica il settore, è salito dell’1,9%, mentre Utilities Select Sector SPDR Fund ha guadagnato l’1,3%.

D’altro canto, i due settori con la performance peggiore sono stati i materiali e i servizi di comunicazione, due comparti ciclici.

2. Rendimenti obbligazionari in aumento

L’aumento dei rendimenti obbligazionari è un altro segno che il rally delle azioni potrebbe cambiare rotta, ha affermato Goldman.

Rendimenti del Tesoro più elevati possono rappresentare un problema per le azioni perché, in confronto, sono un investimento più interessante. Azioni e obbligazioni spesso si sono mosse all’unisono all’inizio dell’anno, poiché le aspettative di una politica monetaria più restrittiva da parte della Federal Reserve hanno scosso entrambi gli asset.

Tuttavia, la dinamica sembra essere cambiata ad agosto. I rendimenti dei Treasury sono aumentati all’inizio di questo mese e hanno iniziato a salire prima che le azioni raggiungessero un periodo difficile alla fine di questa settimana.

Il rendimento del titolo del Tesoro a 10 anni è aumentato di 35 punti base dal 1 agosto e da lunedì è salito di 14 punti base al 2,897%.

3. Vola il dollaro

L’aumento dei rendimenti dei Treasury e l’indebolimento dell’inflazione hanno contribuito a far salire il dollaro Usa, creando un altro potenziale vento contrario per le azioni. L’indice ICE del dollaro, un indicatore della forza del biglietto verde rispetto a un paniere di rivali, venerdì 19 agosto ha superato quota 108, salendo al livello più forte in un mese.

Un dollaro forte è generalmente associato a titoli più deboli, poiché erode i guadagni esteri delle multinazionali americane facendoli valere meno in termini di dollari Usa.

4. Criptovalute in caduta libera

Venerdì 19 agosto, le criptovalute sono state vendute bruscamente, portando alcuni a chiedersi se le azioni potrebbero essere le prossime.

“Un altro segno di una pausa del mercato è la debolezza delle criptovalute. È un chiaro segno della tendenza al rischio nel mercato”, ha affermato Goldman.

Bitcoin è sceso di circa il 9,5% venerdì, mentre ethereum, la seconda criptovaluta più popolare, ha perso circa il 10,%, secondo CoinDesk.

5. Utili aziendali in focus

Un altro motivo per mettere in dubbio il rally delle azioni è che sembra esserci una disconnessione tra le valutazioni azionarie e le aspettative sugli utili aziendali.

Come ha sottolineato Goldman, il rapporto prezzo/utili dell’S&P 500 è rimbalzato a 18,6 volte gli utili a termine, da un minimo di 15,5 a metà giugno. Allo stesso tempo, le aspettative per gli utili aziendali di queste stesse società nei prossimi 12 mesi sono diminuite da $ 238 a $ 230.

“Le azioni stanno aumentando in base alle stime degli utili in calo”, ha affermato Goldman. In una recente nota ai clienti della banca, il Citigroup US Equity Strategist Scott Chronert ha affermato che il rischio di un calo degli utili aziendali verso il 2023 potrebbe creare un “vento contrario di valutazione” per le azioni.

Argomenti

# Borse
# azioni

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.