Criptovalute: c’è stato un altro attacco hacker

Il nuovo attacco hacker che ha scosso sia il prezzo del Bitcoin che le quotazioni delle criptovalute rivali. Il punto della delicata situazione.

Criptovalute: c'è stato un altro attacco hacker

Le quotazioni delle criptovalute di nuovo sotto pressione dopo l’ultimo attacco hacker ai danni dell’ennesimo exchange sudcoreano.

Bithumb - questo il nome dalla famosa piattaforma - ha comunicato nelle ultime ore l’accaduto e ha dunque intimato ai propri clienti di non versare denaro né di effettuare transazioni, almeno momentaneamente.

Esattamente come previsto, l’attacco hacker (avvenuto a circa una settimana da quello su Coinrail) ha imposto non soltanto al prezzo del Bitcoin ma anche a tutte le quotazioni delle criptovalute rivali di tornare a scambiare in ribasso, il tutto dopo un lievissimo tentativo di recupero messo a segno nelle ore precedenti alla comunicazione di Bithumb.

Quotazioni criptovalute giù: il punto sull’attacco hacker

Pochissime ore fa la piattaforma ha comunicato la sospensione temporanea di tutti i depositi e di tutti i prelievi e questo sulla scia di un attacco hacker che ha sottratto circa 30 milioni di dollari in criptovalute.

L’annuncio è arrivato via Twitter ed è stato proprio sul social cinguettante che Bithumb ha cercato di tranquillizzare i propri clienti promettendo la piena restituzione del denaro sottratto dagli hacker. La quantità sottratta sarà coperta tramite le stesse riserve dell’exchange che ha comunicato altresì il trasferimento degli asset dei clienti su un “cold wallet” più sicuro.

Le rassicurazioni della piattaforma non sono riuscite però ad arrestare il pessimismo del mercato, evidenziato appieno dalle quotazioni delle criptovalute principali tra cui il prezzo del Bitcoin, che dopo il recupero di quota $6.770 è tornato a scambiare intorno ai $6.600.

Il tweet con il quale la piattaforma ha reso noto l’attacco hacker parlando di problemi di sicurezza, comunicando la necessità di modificare il sistema di wallet vigente e invitando i clienti a non depositare nulla.

La comunicazione dell’exchange - che ha avuto un impatto ovviamente negativo sulle quotazioni delle criptovalute maggiori - poco o nulla ha lasciato intendere in merito alla ripresa delle operazioni:

“Tutti i depositi e i prelievi saranno congelati per questioni di sicurezza. Vi terremo aggiornati sulla ripresa del servizio. Ci scusiamo per l’inconveniente e vi ringraziamo per la comprensione.”

La reazione del mercato

La notizia dell’attacco hacker ha fatto improvvisamente scivolare il prezzo del Bitcoin da quota $6.718 a quota $6.560, ma la quotazione è riuscita a recuperare parte del terreno perduto e sta ora scambiando intorno ai $6.600.

Tra le quotazioni delle criptovalute colpite dalla notizia anche Ethereum, che è scivolato dai 540 dollari di ieri a quota 519 dollari. Al momento della scrittura la quotazione sta continuano a perdere quota e sta scendendo di oltre il 3%.

Anche Ripple è stata messa in difficoltà dall’attacco hacker su Bithumb. XRPUSD, che era risalita sulla soglia di $0,5544, è tornata a scambiare su quota $0,52.

Si noti, comunque, come non siano state soltanto le tre player maggiori a viaggiare in preda alla debolezza. Tutte le quotazioni delle criptovalute, dalle più alle meno famose, hanno profondamente risentito dell’attacco hacker su Bithumb e stanno ora scambiando in ribasso di qualche punto percentuale.

Clicca qui per osservare l’andamento in tempo reale dell’intero settore criptovalute

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Valute virtuali

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.