Questo dato Usa sull’inflazione è un allarme per la Fed?

Violetta Silvestri

16 Febbraio 2024 - 15:30

I prezzi alla produzione negli Usa aumentano e lanciano un nuovo allarme inflazione: cosa deciderà la Fed sul taglio dei tassi?

Questo dato Usa sull’inflazione è un allarme per la Fed?

Dai dati Usa è arrivato un altro segnale di massimo allarme per la Fed: tagliare i tassi troppo in fretta può essere un problema.

I prezzi alla produzione statunitensi sono infatti aumentati più del previsto a gennaio in un contesto di forti rialzi dei costi dei servizi, che potrebbero amplificare i timori di una ripresa dell’inflazione.

L’indice dei prezzi alla produzione per la domanda finale è cresciuto dello 0,3% il mese scorso dopo essere sceso dello 0,1% rivisto a dicembre, ha detto venerdì l’Ufficio di statistica del lavoro del Dipartimento del Lavoro. L’aumento ha posto fine a tre diminuzioni mensili consecutive del PPI.

La Federal Reserve ritarderà ancora di più il taglio ai tassi?

Prezzi alla produzione salgono, cosa farà la Fed con i tassi?

A gennaio i prezzi pagati ai produttori statunitensi sono aumentati più del previsto, alimentati da un incremento considerevole dei costi dei servizi e mettendo in evidenza la natura vischiosa dell’inflazione.

L’indice dei prezzi alla produzione per la domanda finale è aumentato dello 0,3% rispetto a dicembre, come hanno mostrato venerdì i dati del Dipartimento del Lavoro. L’indicatore è cresciuto dello 0,9% rispetto all’anno precedente, superando anche le previsioni.

Il cosiddetto core PPI, che esclude le categorie alimentari ed energetiche volatili, è salito dello 0,5% sul mese precedente e del 2% rispetto a un anno fa, entrambi al di sopra delle aspettative.

I titoli del Tesoro hanno esteso la loro svendita in seguito ai dati PPI. I rendimenti a due anni sono saliti al livello più alto da metà dicembre. Gli operatori hanno ridimensionato le aspettative per i tagli dei tassi di interesse, vedendo solo una possibilità su quattro di un intervento a maggio.

Dopo il balzo nell’indice dei prezzi al consumo all’inizio dell’anno, i dati sui prezzi all’ingrosso probabilmente riaffermano l’opinione secondo cui la Fed non ridurrà il costo del denaro finché i funzionari non saranno convinti che l’inflazione sia sufficientemente domata.

“La Fed sarà preoccupata dai rapporti CPI e PPI di gennaio”, ha commentato in una nota Bill Adams, capo economista della Comerica Bank. “Negli ultimi anni l’inflazione ha acquisito slancio e persiste in molti ambiti dell’economia nonostante i prezzi più bassi della benzina, dei prodotti alimentari di base e dei beni durevoli”.

Da non perdere su Money.it

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Correlato