Quarantena dimezzata per i positivi: il piano della Francia funzionerà?

Violetta Silvestri

08/09/2020

08/09/2020 - 13:32

condividi

La Francia vuole dimezzare il periodo di quarantena obbligatoria per i positivi. Una decisione discutibile proprio quando il Paese registra punte di 8.000 casi al giorno. La proposta avrebbe dei vantaggi.

Quarantena dimezzata per i positivi: il piano della Francia funzionerà?

In Francia la quarantena obbligatoria per i positivi potrebbe addirittura essere dimezzata per legge.

La novità, per adesso, è ancora una proposta da formalizzare al massimo nel fine settimana. Il comitato scientifico, comunque, si è espresso già a favore, mettendo in evidenza l’assenza di rischi sanitari.

La quarantena ridotta è davvero una soluzione fattibile in un Paese che registra ancora migliaia di casi al giorno? Secondo gli esperti francesi sì, con importanti aspetti vantaggiosi proprio per la sicurezza nazionale.

Francia: quarantena di (soli) 7 giorni per i positivi

Quarantena dimezzata in arrivo per i positivi francesi: la nuova proposta degli esperti dovrebbe essere formalizzata nella riunione di venerdì 11 settembre del Consiglio della Difesa, guidato da Macron.

Un’idea rischiosa per la Francia, dove i contagiati giornalieri sfiorano numeri allarmanti, tra 4.000 e 8.000? Il Governo sembra deciso sulla linea di diminuire i giorni di isolamento obbligatorio per chi è infetto dal coronavirus.

Ci sarebbe almeno un vantaggio e nessun pericolo sanitario, anche se il ministro della Salute ha lasciato spazio a ulteriori approfondimenti.

Le sue parole sono state chiare: “Oggi vediamo che molti non rispettano l’isolamento di 14 giorni”. Ridurre la quarantena obbligatoria a 7 giorni, quindi, garantisce il rigoroso rispetto della regola, mettendo in reale sicurezza le persone. Due settimane sono considerate troppo lunghe e dunque facilmente violate dagli infetti.

Questo il ragionamento di esperti e governanti in Francia. La base medico-scientifica della decisione è stata così spiegata dal ministro Véran:

“Siamo più contagiosi nei primi 5 giorni dopo l’apparizione dei sintomi o che seguono la positività di un tampone. In seguito la contagiosità diminuisce in modo molto netto, e dopo una settimana resta ma molto debole”

Non ci sarebbe, quindi, la totale assenza di pericolo infezione. Tuttavia, la Francia pare intenzionata a evitare in tutti i modi ostacoli e restrizioni alla socialità e all’economia. Anche il lockdown non rientra nei nuovi piani di Macron.

Proprio il mondo imprenditoriale ha già mostrato entusiasmo per la probabile decisione: “Sarebbe una piccola boccata d’ossigeno per le aziende in termini organizzativi”.

La Francia sarà davvero sicura con la quarantena dimezzata?

Argomenti

Iscriviti a Money.it