Quarantena dimezzata per i positivi: il piano della Francia funzionerà?

La Francia vuole dimezzare il periodo di quarantena obbligatoria per i positivi. Una decisione discutibile proprio quando il Paese registra punte di 8.000 casi al giorno. La proposta avrebbe dei vantaggi.

Quarantena dimezzata per i positivi: il piano della Francia funzionerà?

In Francia la quarantena obbligatoria per i positivi potrebbe addirittura essere dimezzata per legge.

La novità, per adesso, è ancora una proposta da formalizzare al massimo nel fine settimana. Il comitato scientifico, comunque, si è espresso già a favore, mettendo in evidenza l’assenza di rischi sanitari.

La quarantena ridotta è davvero una soluzione fattibile in un Paese che registra ancora migliaia di casi al giorno? Secondo gli esperti francesi sì, con importanti aspetti vantaggiosi proprio per la sicurezza nazionale.

Francia: quarantena di (soli) 7 giorni per i positivi

Quarantena dimezzata in arrivo per i positivi francesi: la nuova proposta degli esperti dovrebbe essere formalizzata nella riunione di venerdì 11 settembre del Consiglio della Difesa, guidato da Macron.

Un’idea rischiosa per la Francia, dove i contagiati giornalieri sfiorano numeri allarmanti, tra 4.000 e 8.000? Il Governo sembra deciso sulla linea di diminuire i giorni di isolamento obbligatorio per chi è infetto dal coronavirus.

Ci sarebbe almeno un vantaggio e nessun pericolo sanitario, anche se il ministro della Salute ha lasciato spazio a ulteriori approfondimenti.

Le sue parole sono state chiare: “Oggi vediamo che molti non rispettano l’isolamento di 14 giorni”. Ridurre la quarantena obbligatoria a 7 giorni, quindi, garantisce il rigoroso rispetto della regola, mettendo in reale sicurezza le persone. Due settimane sono considerate troppo lunghe e dunque facilmente violate dagli infetti.

Questo il ragionamento di esperti e governanti in Francia. La base medico-scientifica della decisione è stata così spiegata dal ministro Véran:

“Siamo più contagiosi nei primi 5 giorni dopo l’apparizione dei sintomi o che seguono la positività di un tampone. In seguito la contagiosità diminuisce in modo molto netto, e dopo una settimana resta ma molto debole”

Non ci sarebbe, quindi, la totale assenza di pericolo infezione. Tuttavia, la Francia pare intenzionata a evitare in tutti i modi ostacoli e restrizioni alla socialità e all’economia. Anche il lockdown non rientra nei nuovi piani di Macron.

Proprio il mondo imprenditoriale ha già mostrato entusiasmo per la probabile decisione: “Sarebbe una piccola boccata d’ossigeno per le aziende in termini organizzativi”.

La Francia sarà davvero sicura con la quarantena dimezzata?

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO

1634 voti

VOTA ORA