A quanti giorni di ferie hanno diritto deputati e senatori? Ecco le vacanze dei nostri politici

Da agosto a settembre il Parlamento italiano si appresta a chiudere: ecco quanti giorni di ferie potranno fare i nostri deputati e senatori.

A quanti giorni di ferie hanno diritto deputati e senatori? Ecco le vacanze dei nostri politici

Agosto è arrivato e anche la politica si appresta ad andare in vacanza. Prima del rompete le righe il Parlamento ha approvato in maniera definitiva il Decreto Dignità, primo provvedimento di questo nuovo governo.

Ultimati i lavori parlamentari si sono chiuse le porte di Camera e Senato: vediamo allora come funzionano le ferie per i nostri politici e solitamente per quanti giorni deputati e senatori possono considerarsi in vacanza.

La chiusura della Camera e del Senato

Anche deputati e senatori hanno diritto alle loro ferie, con la Camera e il Senato che hanno dei regolamenti in materia e decidono in maniera autonoma per quanto tempo rimanere chiusi durante la stagione estiva (solitamente dai primi di agosto fino a metà settembre).

Oltre al diritto alle vacanze dal quale non sono esenti i politici, chiudere il Parlamento vuol dire concedere le ferie anche a chi lavora all’interno delle due Aule producendo un risparmio visti i costi che comporterebbe una apertura ininterrotta.

Detto questo spesso però si è discusso sulla lunghezza di queste ferie. Nel 2012, quando l’allora sottosegretario all’Economia Gianfranco Polillo propose agli italiani di tagliarsi una settimana di vacanza per far aumentare così il PIL del paese, il premier Mario Monti propose di ridurre al minimo il periodo di chiusura suscitando una mezza rivolta tra i parlamentari.

Per vedere quanti giorni sono stati chiusi la Camera e il Senato durante le estati della scorsa legislatura, possiamo vedere una ricerca puntuale come al solito realizzata da Openpolis.

Nel 2017 quindi c’è stato il record per quanto riguarda le vacanze estive dei parlamentari con quasi 40 giorni di chiusura. Bisogna specificare però che alcune commissioni continuano a riunirsi durante questo periodo, con il calcolo che tiene conto solo dello stop alle sedute delle Aule.

Se diamo uno sguardo all’Europa, i parlamentari nostrani però negli ultimi anni hanno goduto di meno ferie rispetto ai colleghi francesi e tedeschi, con il Bundestag che solitamente chiude da inizio luglio fino ai primi di settembre.

Quante ferie nel 2018?

Prima della nascita del governo Conte, vista la grande incertezza politica si era a lungo ipotizzato di tornare al voto a fine luglio. Una eventualità questa che avrebbe con ogni probabilità fatto saltare le vacanze perlomeno ai leader di partito.

Invece la legislatura è partita a inizio giugno anche se i lavori stanno procedendo abbastanza a rilento. Dando uno sguardo al calendario di Camera e Senato, erano in programma votazioni fino a martedì 7 agosto.

Dopo l’approvazione da parte della Camera è toccato al Senato approvare il Decreto Dignità, il primo atto politico del “governo del cambiamento” che sta saggiando in qualche modo la tenuta della inedita maggioranza Lega-Movimento 5 Stelle.

Viste che non sono sopraggiunte urgenze, le ferie per i parlamentari sono quindi scattate mercoledì 8 agosto. Come detto però alcune commissioni continueranno a riunirsi ma non ci saranno votazioni o sedute.

Il rientro invece dovrebbe essere in programma per lunedì 10 settembre, sempre salvo emergenze, per un totale quindi di 34 giorni. Al ritorno il governo sarà chiamato a imbastire la legge di Bilancio che sarà il primo vero banco di prova per la maggioranza carioca.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Senato

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.