Azioni, ecco i comparti borsistici più sottovalutati di oggi

Redazione Finance

3 Giugno 2024 - 12:58

L’attuale contesto economico-finanziario ha comportato un forte ridimensionamento dei prezzi di alcuni comparti borsistici composti da aziende con buone prospettive di crescita. Quali seguire?

Azioni, ecco i comparti borsistici più sottovalutati di oggi

Grazie alla rivoluzione dell’intelligenza artificiale, l’interesse dei trader e degli investitori sembra essersi completamente spostato verso il comparto tecnologico. Per questo e altri motivi, alcuni comparti borsistici sembrano essere rimasti un po’ indietro, e molti si domandano se si possa essere creata una buona occasione di investimento.

Tra questi, si notano il comparto obbligazionario delle economie sviluppate, il settore immobiliare e il comparto energetico, con particolare interesse verso l’energia pulita. Questi settori, per diversi motivi, sono rimasti indietro rispetto all’andamento complessivo dei mercati, ben rappresentato come benchmark dall’MSCI World, che negli ultimi cinque anni ha registrato una performance positiva del +83,46%.

iShares MSCI World ETF, 1W iShares MSCI World ETF, 1W Grafico a candele settimanali dell'ETF iShares MSCI World. Fonte: baha.com

Comparto obbligazionario delle economie sviluppate

Le obbligazioni governative delle economie sviluppate presentano opportunità interessanti per gli investitori, specialmente in prospettiva di futuri abbassamenti dei tassi d’interesse. La stessa certezza non si può avere per il comparto del global high yield, che mostra uno spread secondo molti eccessivamente ridotto rispetto all’investment grade, con un’alta probabilità che si allarghi in questo momento. Questo rende più appetibili le obbligazioni investment grade. L’ETF iShares Global Government Bond UCITS, che sintetizza l’andamento globale di questo comparto, ha registrato negli ultimi cinque anni una perdita di circa il -10%, evidenziando la contrazione dei corsi causata dall’impennata repentina dei tassi negli ultimi anni.

Settore Immobiliare

Il settore immobiliare, rappresentato in gran parte dai Real Estate Investment Trusts (REITs), è stato sotto pressione a causa della recente contrazione degli utili dovuta all’aumento dei tassi di interesse. Questo ha portato a una compressione dei margini e dei prezzi di borsa delle società immobiliari. Tuttavia, il settore immobiliare rimane uno dei mercati più resilienti e «evergreen» della storia. L’ETF iShares Developed Markets Property Yield UCITS ha registrato un rendimento a 5 anni di quasi il -1% proprio a causa delle recenti contrazioni di valore.

Comparto legato alla transizione energetica

Con l’aumento della domanda globale di energia e le complicazioni geopolitiche dovute all’incremento dei conflitti, l’attenzione degli investitori potrebbe spostarsi progressivamente verso le aziende operative nel comparto della transizione energetica. Gli investimenti in tecnologie più pulite e la transizione verso un mix energetico sostenibile potrebbero infatti portare a una rivalutazione delle aziende operanti in questo settore. Essendo un settore in fase embrionale, i bilanci attualmente non sono dei migliori, e quindi anche le valutazioni azionarie ne hanno risentito negli ultimi anni. Tuttavia, gli ingenti investimenti diretti verso questo comparto potrebbero comportare una rivalutazione delle aspettative da parte dei trader e degli investitori.

L’iShares Global Clean Energy UCITS ETF ha registrato una performance a 3 anni del -23%, mentre a 5 anni maggiore del +50%. Questo esprime pienamente la contrazione registrata negli ultimi anni da questo comparto, nonostante le aspettative a lungo termine rimangano positive.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo