Petrolio in corsa: l’OPEC sta per tagliare la produzione?

Violetta Silvestri

3 Ottobre 2022 - 08:43

condividi

Il petrolio ritrova forza e il prezzo balza anche del 3%: alla base del salto ci sono indiscrezioni sulle prossime mosse dell’OPEC. Si prepara un taglio alla produzione per rilanciare le quotazioni?

Petrolio in corsa: l'OPEC sta per tagliare la produzione?

Il prezzo del petrolio fa il balzo: le quotazioni WTI e Brent sono in aumento di quasi il 3% sulla scia dell’indiscrezione che l’alleanza OPEC+ starebbe considerando di ridurre la produzione di oltre 1 milione di barili al giorno, per rilanciare i prezzi in caduta.

Una riduzione di tale portata sarebbe la più grande dalla pandemia. La mossa, tutta da confermare nella riunione del 5 ottobre, minaccia di aumentare i prezzi del greggio, in un momento in cui gran parte del mondo sta lottando per abbassare i costi energetici. Potrebbe, inoltre, creare una potenziale rottura con gli Stati Uniti, dove il presidente Joe Biden ha cercato di abbassare i prezzi del carburante in vista delle prossime elezioni cruciali di medio termine mese.

Alle ore 8.23 italiane, il WTI scambia a 81,75 dollari al barile, con un +2,85% e il Brent a 87,41 con un +2,67%.

Prezzo del petrolio torna a salire: OPEC nel mirino

L’alleanza petrolifera Opec+ sta pianificando un taglio sostanziale della produzione per sostenere il calo dei prezzi, secondo indiscrezioni trapelate, mentre il gruppo si prepara a incontrarsi di persona per la prima volta da marzo 2020.

Il gruppo petrolifero, guidato da Arabia Saudita e Russia, dovrebbe discutere di una riduzione alla produzione che per un ammontare anche più di 1 milione di barili al giorno nella riunione del 5 ottobre. Questa è di gran lunga la più grande dall’inizio della pandemia ed equivalente a oltre l’1% delle forniture globali.

L’Arabia Saudita, secondo le ricostruzioni dei rumors, è desiderosa di ridurre la produzione sia per sostenere i prezzi, sia per poter mantenere una certa capacità di produzione in riserva. Il Regno teme che la produzione russa possa diminuire drasticamente entro la fine dell’anno, quando le sanzioni occidentali contro le sue esportazioni di petrolio si inaspriranno.

Si dice anche che Mosca sia favorevole a un taglio poiché ha visto diminuire i suoi ricavi petroliferi negli ultimi mesi, con gli acquirenti che hanno imposto grandi sconti sulle vendite di petrolio dopo la sua invasione su vasta scala dell’Ucraina. La recente forza del rublo riduce anche l’importo che riceve nella sua valuta nazionale per le vendite di accordi petroliferi valutati principalmente in dollari.

Il benchmark internazionale del petrolio Brent è aumentato del 3% dopo la notizia che il gruppo di produttori stava considerando di tagliare l’offerta. Il contratto rimane comunque ben al di sotto del massimo sopra i 130 $/b raggiunto all’inizio di quest’anno dopo l’invasione.

Amrita Sen di Energy Aspects ha affermato che il gruppo è particolarmente preoccupato per il rischio di un rallentamento globale e per l’effetto sulla crescita dei consumi nei mercati emergenti, quindi “stava considerando ampi tagli per prevenire qualsiasi possibile reazione della domanda”.

Ed Moya, analista di mercato senior di Oanda Group ha dichiarato: “Il calo dei prezzi del petrolio è probabilmente terminato. I commercianti di energia sono diventati pessimisti durante l’estate a causa dei timori di rallentamento globale, ma ora sembra che i rischi per il petrolio siano al rialzo”.

Il petrolio è sceso di un quarto nei tre mesi fino a settembre poiché un rallentamento dell’economia globale ha indebolito la domanda. Banche tra cui UBS Group AG e JPMorgan Chase & Co. hanno affermato che l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e i suoi alleati potrebbero dover ridurre la produzione di almeno 500.000 barili al giorno per stabilizzare i prezzi.

“Sarà solo questione di tempo prima che il petrolio torni a $100 al barile, soprattutto con le forniture destinate a restringersi verso la fine dell’anno”, ha affermato Suvro Sarkar, analista energetico presso DBS Bank Ltd. a Singapore.

Secondo Stephen Brennock del broker petrolifero PVM il petrolio a $90 non è negoziabile per la leadership dell’OPEC+, quindi agiranno per salvaguardare questo prezzo minimo.

Aiutaci a fare di più!

Vogliamo che i lettori siano al centro del nostro lavoro.

Tuttavia questo non è possibile se siamo sostenuti solo dalla pubblicità.

Attiva un abbonamento oggi stesso e scopri i vantaggi che ti abbiamo riservato.

ABBONATI E SOSTIENICI

Argomenti

# Brent
# OPEC
# WTI

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO