Prezzo del petrolio: le previsioni 2020

Le previsioni 2020 sul prezzo del petrolio: dove si stanno dirigendo le quotazioni di Brent e WTI?

Prezzo del petrolio: le previsioni 2020

La previsioni 2020 sul prezzo del petrolio stanno continuando a cambiare di pari passo con le notizie riguardanti sia il coronavirus che la guerra esplosa fra Russia e Arabia Saudita.

All’inizio di marzo, la quotazione del WTI e quella del Brent sono tristemente finite sotto i riflettori del mondo intero. Lunedì 9 entrambe sono crollate di oltre il 30% sulla scia del fallimento del meeting OPEC e delle successive decisioni prese dai produttori.

Allo stesso tempo, le previsioni sul prezzo del petrolio hanno continuato ad essere influenzate dal coronavirus che da epidemia è stato poi ufficialmente promosso a pandemia mondiale.

Previsioni petrolio: il sondaggio di Reuters

Il tracollo delle quotazioni messo a segno nella seconda settimana di marzo ha avuto un impatto dirompente sul sentiment degli investitori e degli stessi osservatori di mercato.

Stando a un sondaggio condotto da Reuters, il mercato è convinto che nel secondo trimestre del 2020 la quotazione del WTI si attesterà in media sui $30,37. Le cose peggioreranno poi nel terzo trimestre, durante il quale il texano arriverà sui $34,3 per poi risalire a $39,09 negli ultimi tre mesi dell’anno.

Le previsioni sul prezzo del petrolio Brent non sono risultate certo più ottimistiche. Nei tre trimestri considerati, il greggio del Mare del Nord si attesterà a $34,84, $39,05 e $44,08. Per l’intero anno, invece, la stima è scesa dai $60,63 di febbraio ai $42 di oggi.

L’allarme di Goldman Sachs

Qualche giorno fa anche gli esperti di Goldman hanno tentato di prevedere l’impatto del coronavirus sulla quotazione del WTI e su quella del Brent. Con una prima revisione essi hanno tagliato le proprie stime di ben 10 dollari al barile.

Poi è arrivato il tracollo del 9 marzo, e gli analisti sono intervenuti di nuovo. Secondo le previsioni dello strategist Damien Courvalin il prezzo del petrolio rimarrà intorno ai $30 per almeno i prossimi sei mesi.

Nota: le previsioni seguenti sono state redatte prima del tracollo di lunedì 9 marzo per cui potrebbero essere suscettibili di modifiche.

Le previsioni 2020 di BofA

Ad esprimersi sul prossimo andamento delle quotazioni sono stati gli esperti di Bank of America, che hanno mostrato tutto il loro scetticismo nei confronti dell’attuale emergenza coronavirus.

I timori di rallentamento economico globale e il forte calo della domanda hanno imposto agli analisti di tagliare drasticamente le proprie previsioni 2020 sul prezzo del petrolio. Nello specifico le revisioni operate sono state le seguenti:

  • Brent: giù da $62 a $54 al barile
  • WTI: giù da $57 a $49 al barile

Ora, alla luce dell’ultimo crollo, è probabile che questi dati scenderanno ancora.

Le previsioni di Vitol Group

Alcune previsioni 2020 sul prezzo del petrolio sono state partorite anche da Vitol Group, secondo cui una volta svanito l’effetto del coronavirus esso verrà sostenuto dalla Libia, dal Venezuela e dai nuovi tagli dell’OPEC.

Nei prossimi mesi, ha dichiarato il CEO della società Russell Hardy, le quotazioni si riporteranno tra i $60 e i $70 al barile. Una stima che appare molto distante dalla realtà considerate le ultime vicende.

Le previsioni 2020 sul prezzo del petrolio continueranno probabilmente ad essere influenzate dal coronavirus. Fino a che l’emergenza non sarà alle spalle, l’epidemia costituirà un main driver per le quotazioni di WTI e Brent.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Petrolio

Argomenti:

Brent Petrolio WTI

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.