Il petrolio adesso sta volando, ma perché?

Il prezzo del petrolio ha cambiato repentinamente direzione dopo il crollo. Cosa sta accadendo?

Il petrolio adesso sta volando, ma perché?

Il prezzo del petrolio è tornato a scambiare in deciso rialzo dopo il terremoto che nella giornata di ieri ha colpito duramente il mercato.

La quotazione del WTI, in particolar modo, ha messo a segno progressioni a doppia cifra percentuale e ha tentato di cancellare per quanto possibile parte delle recenti perdite.

Anche il prezzo del petrolio Brent ha premuto sul pedale dell’acceleratore seppur con performance leggermente meno evidenti rispetto a quelle della sua collega.

Perché il prezzo del petrolio sta risalendo

Dopo le pessime performance degli ultimi tre giorni, determinate sia dal coronavirus che dalla guerra energetica avviata da Russia e Arabia Saudita, le quotazioni di WTI e Brent hanno rialzato la testa.

Il prezzo del petrolio è riuscito a prendere il fiato nel momento in cui i mercati hanno iniziato a valutare con minor scetticismo le mosse delle banche centrali mondiali. Ieri sera, solo per fare un esempio, la BCE ha convocato una riunione d’emergenza nella quale ha concordato un nuovo maxi Quantitative Easing.

Quanto durerà il rialzo?

Secondo gli analisti, i guadagni delle quotazioni si riveleranno soltanto temporanei e gli investitori torneranno a temere sia il crollo della domanda sia la mancata azione dell’OPEC, i cui tagli attualmente in vigore scadranno a fine mese.

“Dal 1° aprile, circa 4 milioni di barili aggiuntivi al giorno potrebbero fare irruzione sui mercato, spingendo potenzialmente il prezzo del petrolio verso la fascia dei $10,”

hanno dichiarato gli analisti di Jefferies che hanno sottolineato la necessità di intervenire per impedire tale scenario.

Più o meno dello stesso avviso Edward Moya, senior market analyst di OANDA New York, secondo cui gli stimoli fiscali e monetari non riusciranno a far tornare la domanda energetica su livelli normali.

Al momento in cui si scrive, intanto, il prezzo del petrolio Brent e la quotazione del WTI stanno salendo rispettivamente del 6% e dell’11,5% su quota $26,3 e $23,2.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Petrolio

Argomenti:

Petrolio Brent WTI

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.