Occhio alla spesa: i prezzi del grano e di altri alimenti stanno salendo con il coronavirus

Cristiana Gagliarducci

30 Marzo 2020 - 09:05

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Impennata del prezzo del grano grazie al coronavirus. Attenzione anche ad altri alimenti che finiscono sulle nostre tavole

Occhio alla spesa: i prezzi del grano e di altri alimenti stanno salendo con il coronavirus

Anche il prezzo del grano è stato travolto dal coronavirus.

In questo caso, però, l’impatto della devastante pandemia è risultato più che positivo visto che le quotazioni della materia prima sono letteralmente decollate.

In realtà, non è stato soltanto il prezzo del grano a reagire positivamente di fronte al coronavirus. Anche i prezzi di numerosi altri alimenti che finiscono sulle nostre tavole sono aumentati nel pieno dell’emergenza globale.

Coronavirus: prezzo del grano (e non solo) in aumento

Nel momento in cui l’epidemia partita dalla Cina si è diffusa tanto da trasformarsi in vera e propria pandemia, anche le abitudini alimentari delle persone sono cambiate.

In Italia, ad esempio, i consumatori si sono gettati a capofitto sulle farine, sui lieviti e perché no anche sulle uova. In realtà in tutto il mondo si è assistito a una vera e propria corsa ai beni essenziali che ha avuto un impatto positivo sia sul prezzo del grano che su quello di numerosi altri cereali.

Secondo i dati riportati dall’AGI, soltanto nell’ultima settimana le variazioni più evidenti sono risultate le seguenti:

  • grano: +5,95%
  • riso: 5,07%
  • olio di soia: 4,65%
  • soia: +2%
  • avena: +1,39%
  • mais: +0,66%
  • canola: +0,22

Come precisato anche da Coldiretti, l’aumento del prezzo internazionale del grano è stato influenzato anche dalla decisione della Russia di limitare l’export dopo il balzo delle quotazioni sui 13.270 rubli per tonnellata (da confrontare con i 12.850 rubli per tonnellata del petrolio degli Urali).

Sul fronte riso, poi, come non citare la scelta del Vietnam che ha temporaneamente sospeso i contratti di esportazione.

Per quel che riguarda la carne, invece, nell’ultima settimana i contratti con consegna a giugno riguardanti i bovini adulti hanno registrato un +0,2% da confrontare con il +2,56% del bestiame da alimentazione (consegna a maggio) e con il -5,13% della carne di maiale con consegna a giugno.

La situazione in Italia

Come anticipato, nelle ultime settimane in Italia, così come in numerosi altri Paesi del mondo, si è verificata una vera e propria corsa ai beni essenziali. Soltanto nell’ultimo mese, quello in cui il coronavirus ha dato vita a una vera e propria emergenza, gli acquisti di farina sono aumentati del 99,5%.

Gli italiani però si sono gettati a capofitto anche sul riso (+47,3%) e sulla pasta di semola (+41,9%).

Una situazione, questa, che secondo il presidente di Coldiretti, Ettore Prandini, potrebbe dare più spazio al Made in Italy:

“Ci sono le condizioni per rispondere alle domanda dei consumatori e investire sull’agricoltura nazionale, che è in grado di offrire produzione di qualità, realizzando rapporti di filiera virtuosi con accordi che valorizzino i primati del Made in Italy e garantiscano la sostenibilità della produzione in Italia con impegni pluriennali e il riconoscimento di un prezzo di acquisto ’equo’, basato sugli effettivi costi sostenuti.”

Dall’azionario al valutario, dalle materie prime al prezzo del grano e ai cereali, nessuno è stato esentato dagli effetti dirompenti del coronavirus.

Argomenti

# Grano

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories