Porsche ha annunciato una svolta. In un’intervista rilasciata al quotidiano tedesco Bild am Sonntag, il Ceo Oliver Blume ha detto che entro 10 anni l’80% dei modelli prodotti dalla casa automobilistica saranno elettrici.

Nel 2020, d’altronde, è stato lanciato il primo modello Porsche elettrico, la Taycan, che ha registrato (alla fine dell’anno) 20.015 unità vendute. Per questa transizione Blume ha già annunciato un investimento da 15 miliardi di euro.

Ecco quali sono le novità in arrivo in casa Porsche e cosa potrebbe cambiare entro il 2030.

Porsche elettrica: la svolta entro il 2030

Nell’ottica di un rinnovamento e in vista della transizione ecologica e ambientale, Porsche ha deciso di produrre fino all’80% dei suoi modelli di auto in versione elettrica entro il 2030, il 50% entro il 2025. L’investimento che la società intende attuare ammonta a circa 15 miliardi di euro.

Lo Chief Executive Officer della società controllata da Volkswagen ha fatto sapere che tra i modelli in commercio ci saranno sia veicoli completamente elettrici sia auto ibride ricaricabili all’esterno. Non mancheranno, comunque, i modelli storici come la Porsche 911, che verrà ancora presentata in commercio con motore a combustione interna. Ma come ha spiegato Blume, i motori a combustione verranno ridotti a quota 20% sull’intera flotta di produzione entro la fine del decennio.

Un’altra spesa importante per la compagnia di Zuffenhausen riguarda il processo di digitalizzazione: tutti coloro che hanno acquistato un modello Taycan, infatti, potranno godere di alcuni optional (acquistati o affittati) per un certo periodo di tempo.

Non solo Porsche: anche Ford verso l’elettrico

Nello stesso periodo nel quale Blume ha annunciato il piano di investimenti verso la transizione ecologica, anche Ford ha previsto investimenti multi miliardari per ridurre la produzione di veicoli a benzina e aumentare quella dei veicoli sostenibili.

Ford si sta trasformando”, ha affermato il presidente e CEO della società, Jim Farley. “Stiamo assegnando un capitale complessivo di 29 miliardi di dollari e un talento straordinario a queste due aree”. In particolare, entro il 2025 la casa automobilistica statunitense punta a investire fino a 22 miliardi di dollari nella propulsione elettrica e ulteriori 7 miliardi di dollari nella guida autonoma.

Stiamo accelerando su tutti i fronti: superare i vincoli, aumentare la capacità della batteria, migliorare i costi e inserire più veicoli elettrici”, ha concluso il CEO.