Per l’Argentina è emergenza economica con inflazione al 109%

Violetta Silvestri

18 Maggio 2023 - 12:05

L’Argentina sprofonda in una delle sue peggiori crisi economiche. Inflazione stellare, svalutazione del peso, siccità e carenza di riserve di valuta estera raccontano di una grave emergenza.

Per l’Argentina è emergenza economica con inflazione al 109%

L’Argentina è - di nuovo - sull’orlo del baratro economico, in una situazione di emergenza molto difficile.

Il Governo sta tentando di evitare il peggio, mentre combatte contro l’inflazione galoppante che ha toccato il 109% ad aprile, il rapido prosciugamento delle riserve di valuta estera della banca centrale, l’indebolimento del peso e i timori del mercato di una forte svalutazione.

Il ministero dell’Economia ha annunciato un pacchetto di misure che include nuovi aumenti dei tassi di interesse, un maggiore intervento della banca centrale nei mercati valutari e accordi accelerati con i creditori dopo che l’inflazione ha superato tutte le previsioni.

A testimonianza della drammatica situazione, il nuovo rialzo dei tassi di interesse dovrebbe essere di 600 punti base per arrivare al 97% e cercare quindi di evitare, o contenere, la peggiore crisi economica del paese degli ultimi 20 anni. Una mossa di tale portata seguirebbe aumenti consecutivi per un totale di 1.300 punti base ad aprile.

Perché l’Argentina rischia di crollare sotto il peso di una crisi economica che sembra indomabile.

Cosa succede in Argentina e perché sta crollando

Diversi sono i fattori che stanno trascinando la nazione dell’America Latina verso il baratro economico.

Il tasso di inflazione argentino è aumentato nonostante i controlli sui prezzi e i regolari aumenti dei tassi, alimentando i timori di un ritorno all’iperinflazione che ha colpito il paese poco più di 30 anni fa, l’ultima volta che gli aumenti dei prezzi su 12 mesi sono saliti a tre cifre.

Nel frattempo, le riserve di dollari sono crollate, gravemente colpite da una storica siccità che ha affossato i principali raccolti di soia e mais, anche se la banca centrale ha speso valuta forte per sostenere il peso, che il mese scorso ha toccato un minimo storico nei mercati paralleli.

Ciò ha creato un dilemma per il governo: come domare l’inflazione ed evitare un crollo della valuta, proteggendo allo stesso tempo le scarse riserve di valuta estera in banca. Alcuni analisti stimano che le riserve nette siano effettivamente negative.

“Se la BCRA (banca centrale) accelera una svalutazione, aggiungerà altra benzina al fuoco”, ha detto Roberto Geretto, un gestore di portafoglio presso Fundcorp. “La situazione è complessa e il comandamento ’non svalutare’ costa sempre di più. Ma svalutare senza un piano potrebbe essere un salto nel vuoto”.

I mercati stanno osservando da vicino anche gli sviluppi politici mentre l’Argentina si avvicina alle elezioni generali di ottobre, così come i negoziati con il Fondo monetario internazionale (FMI) per modificare l’accordo di prestito da 44 miliardi di dollari del paese e accelerare i pagamenti.

“Gli investitori stanno prestando attenzione ai segnali provenienti dai colloqui con il Fmi, dal momento che ricevere nuovi fondi - almeno attraverso la rimodulazione delle erogazioni - sarebbe cruciale per ridurre le tensioni sui cambi e finanziarie in questa fase” ha evidenziato un economista su Reuters.

Il FMI, in realtà, ha già mostrato clemenza nei confronti dell’Argentina nell’ultimo anno, concedendole un maggiore margine di manovra sugli obiettivi di aumentare le riserve e ridurre la stampa di denaro nel tentativo di mantenere in carreggiata un programma di prestiti da 44 miliardi di dollari. È improbabile che voglia anticipare gli esborsi.

Intanto, il ministro dell’Economia Sergio Massa il 29 maggio si recherà in Cina per cercare un maggiore utilizzo del renminbi nel commercio estero. Il mese scorso, l’Argentina ha attivato uno swap di valuta con la Cina che le ha permesso di pagare poco più di 1 miliardo di dollari delle sue importazioni questo mese in renminbi.

L’Argentina verso la recessione. E la dollarizzazione?

Gli economisti hanno criticato i controlli sui cambi e sui prezzi da parte del governo per aver creato enormi distorsioni, scoraggiando gli investimenti e deprimendo la produzione. Molti previsori prevedono che l’Argentina entrerà in recessione quest’anno, con Oxford Economics che prevede un calo dell’1,6% del Pil, la peggiore prospettiva per qualsiasi grande economia latinoamericana.

L’attività economica dovrebbe contrarsi del 2,3% quest’anno, la peggiore performance tra i paesi del Gruppo dei 20, con prezzi al consumo che dovrebbero aumentare di oltre il 100%, secondo le stime mediane di 32 economisti intervistati dal 10 al 19 aprile da Reuters.

Indicando una prospettiva sempre più negativa, il numero di previsioni di recessione è salito a 27 su 32 intervistati da appena 7 su 23 a gennaio. Le visualizzazioni variavano da una crescita dell’1,1% a un crollo del 4,5% nel 2023.

La siccità ha di certo peggiorato una situazione economica che era già insostenibile. L’Argentina, il più grande esportatore mondiale di farina di soia e olio di soia, si è trovata ingabbiata anche nella trappola delle condizioni atmosferiche avverse. Il Buenos Aires Grain Exchange afferma che il raccolto di soia di quest’anno di 25 milioni di tonnellate sarà il peggiore mai registrato. All’inizio della stagione, i campi seminati a soia avevano il potenziale per produrre 48 milioni di tonnellate.

In questo scenario, a sei mesi dalle elezioni presidenziali, una proposta elettorale di estrema destra ha alimentato le fiamme del malcontento: l’Argentina potrebbe uscire da questa crisi se scarica il peso e dollarizza l’intera economia?

Javier Milei, un outsider della politica candidato, sta salendo nei sondaggi rispetto ad altre fazioni conservatrici come il partito peronista al governo e la destra moderata. Milei ha chiesto di “bruciare” la Banca centrale e di tagliare drasticamente la spesa pubblica e sta dominando la narrazione sulla fattibilità della dollarizzazione.

“L’Argentina non è in grado di intraprendere la dollarizzazione perché ciò richiede riserve in dollari della Banca centrale che non ha”, ha detto l’economista Julián Zícari. “Cercare di [dollarizzare] causerebbe una completa evaporazione di salari e pensioni”.

La logistica della dollarizzazione sarebbe molto complessa. Per cominciare, tutti i pesos in circolazione dovrebbero essere acquistati per una cifra in dollari molto bassa ha spiegato Emiliano Libman, economista e ricercatore dell’organizzazione Fundar.

Zícari è stato più netto. “La dollarizzazione è un delirio che finirebbe per trasformare la nazione in una colonia di un altro paese che definisce la tua politica monetaria”, ha detto, riferendosi a come la Federal Reserve usa gli aumenti dei tassi di interesse per frenare l’inflazione e affrontare le crisi bancarie. Saresti lasciato senza una politica del tasso di cambio e opzioni di politica fiscale molto limitate. E dimentica qualsiasi programma di sviluppo industriale, ha aggiunto.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO
Termina il 24/05/2024 Quale criptovaluta comprare oggi?

24 voti

VOTA ORA

Quale criptovaluta comprare oggi?

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo