Il Parlamento chiude per le vacanze: anche a fine legislatura un mese di ferie per deputati e senatori

Stefano Rizzuti

09/08/2022

09/08/2022 - 15:00

condividi

Pausa estiva per Camera e Senato: circa un mese di chiusura per il Parlamento. Ma che non vorrà dire riposo assoluto per deputati e senatori, considerando la campagna elettorale in corso.

Il Parlamento chiude per le vacanze: anche a fine legislatura un mese di ferie per deputati e senatori

La crisi del governo Draghi e la conseguente decisione di sciogliere le Camere ha portato per la prima volta l’Italia in campagna elettorale in pieno agosto. Le elezioni politiche del 25 settembre si avvicinano e i parlamentari pensano più all’attività nei territori per contare su una rielezione che al lavoro in Aula.

Anche perché, con lo scioglimento del Parlamento, l’attività è inevitabilmente ridotta. Il governo, in carica per gli affari correnti, lavora a ritmi ridotti e per deputati e senatori restano solo alcuni provvedimenti in sospeso da approvare. Così il mese di agosto diventa fondamentale per la campagna elettorale.

L’impegno dei parlamentari in vista delle elezioni può aumentare anche grazie alla pausa estiva dei lavori delle Camere: più di un mese ’libero’ per alcuni e poco meno per altri. Quanto dureranno, quest’anno, a fine legislatura, le ferie di deputati e senatori?

Le vacanze del Senato

Al Senato i lavori si sono praticamente già chiusi. L’Aula si riunirà mercoledì 10 agosto, ma in realtà sarà solo una formalità: dovrà essere annunciato l’arrivo del decreto Aiuti bis e la seduta verrà subito conclusa. I lavori di fatto sono già finiti dalla scorsa settimana.

I senatori torneranno al lavoro solamente nell’ultima settimana di agosto, ma solo per le sedute delle commissioni che dovranno analizzare il decreto Aiuti bis: per il 30 agosto è convocata la commissione Bilancio. Il primo settembre si riunirà anche la commissione d’inchiesta sui Rifiuti. Ma il provvedimento su cui si concentreranno tutte le attenzioni è dl Aiuti bis, atteso in Aula nella settimana successiva (inizio settembre), quando per tutti i senatori si dovrà tornare operativi.

Camera, più di un mese di ferie per i deputati

I lavori della Camera si dovrebbero concludere nella serata di martedì 9 agosto con la discussione sul processo tributario, già votato al Senato. Poi anche Montecitorio chiude i battenti, fino a settembre. Si riprenderà infatti proprio con la discussione del decreto Aiuti bis che prima dovrà essere approvato dal Senato. Il provvedimento - che non dovrebbe subire modifiche e la cui discussione potrebbe essere ridotta all’osso - è stato calendarizzato in Aula per il 13 settembre. Se pure le commissioni dovessero analizzarlo prima, per tutti i deputati ci sarebbe comunque almeno un mese di ferie.

Con campagna elettorale saltano vacanze parlamentari

Per deputati e senatori, quindi, ci sarà circa un mese di vacanza. Niente di nuovo, trattandosi di chiusure del Parlamento in linea con quelle degli anni precedenti. Ma stavolta ci sono due importanti differenze: siamo alla fine della legislatura e per molti parlamentari uscenti c’è da pensare alla campagna elettorale. Deputati e senatori, quindi, non andranno in vacanza ma si dedicheranno alle attività sul territorio, soprattutto a partire dal 22 agosto, quando verranno ufficializzate le liste. Poche vacanze e tanta campagna elettorale in questo strano agosto pre-voto.

Iscriviti a Money.it