Multa per assembramenti a casa e all’aperto: ecco cosa si rischia

Isabella Policarpio

03/05/2021

03/05/2021 - 16:54

condividi

Cosa rischia chi non rispetta il divieto di assembramento in casa, in strada, in piazza e nei parchi pubblici: la multa può essere molto salata.

Multa per assembramenti a casa e all'aperto: ecco cosa si rischia

Cosa si rischia in caso di assembramento in casa (ad esempio durante una festa) o nei luoghi all’aperto? A stabilirlo sono i decreti dell’emergenza Covid, nei quali il divieto di assembramento trova sempre conferma.

Durante gli assembramenti, infatti, è impossibile rispettare il distanziamento di almeno un metro e, di conseguenza, cresce il rischio di contagiare ed esser contagiati.

La multa può essere davvero elevata: nei casi più gravi l’importo della sanzione potrebbe raggiungere i 1.000 euro, elevabili fino alla metà in caso di recidiva o se il soggetto - oltre a non rispettare la distanza di sicurezza di un metro - non indossa la mascherina.

Queste le conseguenze per chi organizza feste in casa invitando un numero di persone superiore al consentito, manifesta in piazza (senza rispettare la “forma statica”) o affolla i luoghi pubblici - in maniera spontanea od organizzata - per festeggiare vittorie sportive o altri eventi.

Multa per assembramento: quanto costa e cosa si rischia

Il divieto di assembramento in casa e all’aperto fa scattare una sanzione amministrativa pecuniaria che oscilla dai 400 ai 1.000 euro, prevista anche in caso di rifiuto di indossare la mascherina di protezione.

Per “assembramenti” devono intendersi i raggruppamenti disordinati di persone dove è impossibile rispettare la distanza di sicurezza. La multa può scattare sia in casa - ad esempio durante una festa clandestina - sia in strada o in piazza, come è avvenuto in occasione dei festeggiamenti dei tifosi per le recenti vittorie calcistiche.

L’importo della multa viene determinato discrezionalmente dalle Forze dell’ordine in base alle circostanze in cui avvengono i fatti, al numero di partecipanti (ad esempio in zona gialla e arancione si possono invitare in casa fino a 4 persone oltre ai conviventi) e la presenza di precedenti violazioni.

La sanzione può essere pagata a rate - a chi ha precisi requisiti di reddito - oppure in misura scontata del 30% se il pagamento avviene entro 5 giorni.

La legge ammette la possibilità di fare ricorso dimostrando l’ingiustizia della sanzione.

Dopo quante persone è assembramento?

Nessuna norma prevede espressamente il numero esatto di persone necessario a formare un assembramento. Tuttavia possiamo ritenere che il divieto sia infranto ogni volta che ci siano nello stesso luogo una quantità di persone tale da impedire la distanza di sicurezza di un metro.

Per quanto riguarda gli ambienti al chiuso, invece, il decreto Covid in vigore fino a luglio ammette in zona gialla e arancione fino a 4 invitati, al netto di figli minorenni e persone disabili o non autosufficienti. Chi supera questo numero, quindi, potrebbe rischiare la multa.

Argomenti

# Reato
# DPCM

Iscriviti a Money.it