Esenzione Canone Rai 2019, domanda entro il 31 gennaio: modulo da compilare e indirizzi

Canone Rai 2019: c’è tempo fino al 31 gennaio per chiedere l’esenzione. Ecco come fare e i modelli da compilare a seconda dei casi.

Esenzione Canone Rai 2019, domanda entro il 31 gennaio: modulo da compilare e indirizzi

C’è tempo fino al 31 gennaio 2019 per inviare il modello per l’esenzione del canone Rai per l’intero 2019; a tal proposito, ecco una guida che vi spiega come fare, nella quale oltre i moduli da compilare trovate gli indirizzi dove inviare la richiesta di esenzione.

Come noto le regole per il pagamento del canone Rai sono state modificate nel 2016, quando il Governo Renzi ha introdotto la presunzione di detenzione, principio secondo il quale ogni titolare di un’utenza per la fornitura di energia elettrica è in possesso di un apparecchio televisivo e di conseguenza è soggetto al pagamento del canone.

Da allora il pagamento del canone avviene contestualmente nella bolletta elettrica ed è dilazionato in 10 rate annuali - da gennaio ad ottobre - per un importo complessivo (confermato anche dalla Legge di Bilancio 2019) di 90,00€ annui.

Anche se non pagare il canone Rai è diventato più difficile, ci sono comunque delle categorie che ne sono esonerate. Vale ad esempio per gli anziani che soddisfano determinati requisiti legati al reddito o più generalmente per tutti coloro che pur essendo titolari di un’utenza per la fornitura di energia elettrica non hanno alcun apparecchio televisivo in casa.

Come anticipato queste categorie - di cui trovate un elenco completo nel proseguo dell’articolo - devono presentare il modello per l’esenzione del canone Rai entro il 31 gennaio del 2019, mentre le istanze presentate dopo questa data - ma comunque entro il 31 luglio 2019 - fanno sì che l’esonero valga solamente per il secondo semestre dell’anno.

Per chiedere l’esenzione e “disdire” l’abbonamento Rai bisogna compilare il modulo preposto a seconda della propria categoria di esenzione e poi inviare il tutto all’ufficio di Torino dell’Agenzia delle Entrate.

Ma andiamo con ordine e vediamo chi può chiedere l’esenzione del canone Rai per il 2019 prima di analizzare come fare.

Chi non deve pagare il canone Rai

Come anticipato, possono non pagare il canone coloro che dichiarano di non possedere alcun apparecchio televisivo in casa. Inoltre, ricordiamo che il pagamento spetta ad un solo componente della famiglia: ciò significa che si può chiedere che il canone non venga addebitato in alcuna delle utenze elettriche intestate al dichiarante in quanto viene già pagato da un altro componente della stessa famiglia anagrafica al quale a sua volta è intestata un’utenza elettrica.

Sono esonerati anche gli anziani Over 75, purché abbiano un reddito che - unito a quello del coniuge convivente - non supera gli 8.000€ per tredici mensilità; inoltre, l’anziano non deve convivere con altri soggetti titolari di un proprio reddito.

Non devono pagare il canone neppure gli agenti diplomatici e consolari, ma solo se originari di quei Paesi in cui è previsto lo stesso trattamento per i diplomatici italiani. Lo stesso vale per i militari stranieri residenti in Italia se appartenenti alle Forze Nato.

Completano il quadro le strutture militari delle Forze Armate italiane (come ad esempio gli ospedali militari e le Case del Soldato”) e i rivenditori di negozi in cui vengono riparati televisori.

Modello da compilare per chiedere l’esenzione

A seconda della categoria di appartenenza ci sono dei modelli differenti da compilare ed inviare all’Agenzia delle Entrate per chiedere l’esenzione del canone Rai per il 2019.

Nel dettaglio, trovate il modello apposito nella tabella seguente, oltre al file .pdf contenente le istruzioni necessarie per compilare la domanda senza commettere errori.

Categoria Modello Istruzioni
Contribuenti con utenza elettrica per uso domestico residenziale
Cittadini ultra settantacinquenni
Diplomatici e militari stranieri

Come e dove spedire la richiesta di esenzione

A seconda della motivazione per la quale si chiede l’esenzione del canone Rai c’è una modalità differente per inviare la dichiarazione.

Nel dettaglio, per inviare la dichiarazione di non detenzione dell’apparecchio televisivo si può utilizzare la modalità telematica presente sul sito Internet dell’Agenzia delle Entrate, utilizzando le credenziali Fisconline o Entratel.

Qualora non sia possibile ricorrere alla procedura telematica, la dichiarazione può essere spedita a mezzo del servizio postale in plico raccomandato (senza busta) all’indirizzo:

Agenzia delle entrate - Ufficio Torino 1 - Sportello abbonamenti TV - Casella postale 22 -10121 Torino.

Per gli Over 75, invece, la dichiarazione sostitutiva può essere spedita a mezzo del servizio postale in plico raccomandato allo stesso indirizzo indicato in precedenza; è anche possibile trasmettere la dichiarazione sostitutiva tramite PEC (purché la dichiarazione stessa sia firmata digitalmente da chi richiede l’esenzione) inviando un messaggio di posta elettronica certificata all’indirizzo [email protected].

Per l’esenzione spettante a diplomatici e militari stranieri, infine, la dichiarazione va inviata esclusivamente per mezzo di raccomandato all’indirizzo dell’Agenzia delle Entrate suddetto.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Canone RAI

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.