Canone RAI

Il canone RAI è un tributo dovuto dai cittadini per finanziare il servizio pubblico radiotelevisivo, per effetto del quale si riesce a ridurre o addirittura eliminare la pubblicità commerciale (rispetto a quanto avviene nelle reti private).

Il riferimento normativo è costituito dal regio decreto-legge numero 246 del 1938 che all’articolo 1 individua la fattispecie imponibile del canone RAI:

Chiunque detenga uno o più apparecchi atti od adattabili alla ricezione delle radioaudizioni è obbligato al pagamento del canone di abbonamento, giusta le norme di cui al presente decreto.
La presenza di un impianto aereo atto alla captazione o trasmissione di onde elettriche o di un dispositivo idoneo a sostituire l’impianto aereo, ovvero di linee interne per il funzionamento di apparecchi radioelettrici, fa presumere la detenzione o l’utenza di un apparecchio radioricevente
”.

Esistono due tipi di canone RAI ovvero:

  • canone RAI ordinario, dovuto dai contribuenti che detengono l’apparecchio televisivo per uso personale e domestico;
  • canone RAI speciale, dovuto dalle imprese che detengono apparecchi televisivi in locali aperti al pubblico nell’ambito di un’attività commerciale.

Canone RAI, ultimi articoli su Money.it

Canone RAI: ecco come potrebbe cambiare nel 2023

Claudia Cervi

3 Ottobre 2022 - 13:01

Canone RAI: ecco come potrebbe cambiare nel 2023

Via dalle bollette nel rispetto del PNRR. Per il Codacons andrebbe abolito completamente. Da tempo il canone RAI è al centro di accesi dibattiti: ecco come potrebbe cambiare nel 2023.

Si può non pagare il canone Rai? Ecco chi e come

Rosaria Imparato

30 Giugno 2022 - 15:40

Si può non pagare il canone Rai? Ecco chi e come

Come non pagare il canone Rai? Per chi non ha una tv in casa è possibile ottenere l’esonero presentando la dichiarazione sostitutiva entro il 30 giugno: ecco come fare.