Dichiarazione dei redditi, novità Decreto Liquidità: arriva la delega con foto

Dichiarazione dei redditi, col decreto Liquidità basta una foto per inviare la delega al CAF o al commercialista. La procedura semplifica per l’accesso al modello 730 è valida anche per i servizi INPS: tutte le novità.

Dichiarazione dei redditi, novità Decreto Liquidità: arriva la delega con foto

Dichiarazione dei redditi, novità in arrivo col decreto Liquidità, che semplifica la procedura di accesso al modello 730/2020.

Il decreto Liquidità è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale ed è diventato pienamente operativo dal 9 aprile 2020.

La nuova procedura prevede, per l’invio della delega e dei documenti al CAF o al commercialista, il semplice invio di una foto.

La precauzione è stata presa per rispettare le distanze di sicurezza, e per semplificare le procedure di acquisizione dei documenti indispensabili per la dichiarazione dei redditi.

Il contribuente potrà conferire le deleghe per l’accesso alla precompilata tramite copia per immagine: in caso non si possa scansionare il documento, basterà una foto o un video allegato alla email.

Questa modalità semplificata si applicherà anche per la richiesta di servizi INPS, come la dichiarazione sostitutiva unica ai fini ISEE, la presentazione del modello RED e la richiesta del reddito di cittadinanza.

Una volta cessata l’emergenza sanitaria si ritornerà alla procedura standard, e si dovrà regolarizzare il tutto, con la consegna delle deleghe e della documentazione.

Dichiarazione dei redditi, novità Decreto Liquidità: arriva la delega con foto

Per far fronte all’emergenza sanitaria continuando a rispettare le misure di contenimento del contagio, il Decreto Liquidità ha semplificato la procedura per accedere al modello 730/2020 precompilato da parte di CAF e commercialisti.

Fino a quando non sarà finita l’emergenza sanitaria, i contribuenti potranno inviare la delega per l’accesso alla dichiarazione dei redditi precompilata in via telematica, insieme a una copia del proprio documento di identità.

Basterà inviare all’intermediario abilitato una scansione dei suddetti documenti.

Qualora non fosse possibile perché non in possesso di stampanti e scanner, il contribuente potrà inviare una delega non sottoscritta insieme a una propria autorizzazione.

L’autorizzazione può essere inviata una foto o un video in allegato alla email, anche tramite il deposito nel cloud dell’intermediario.

Terminata l’emergenza sanitaria bisognerà regolarizzare il tutto, con la consegna a mano delle deleghe e dei documenti.

Modello 730/2020 e non solo: assistenza fiscale a distanza nel Decreto Liquidità

L’obiettivo della novità introdotta dal Decreto Liquidità è quella di fornire assistenza fiscale a distanza.

Per questo motivo, la procedura semplificata di acquisizione di documenti e deleghe viene estesa anche per:

Lo scopo quindi è consentire lo svolgimento di tutte queste attività da remoto, permettendo ai cittadini di effettuare gli adempimenti senza contravvenire alle misure restrittive in atto fino alla fine dell’emergenza sanitaria.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories