Mercati ancora scossi e in perdita: che succede oggi?

Violetta Silvestri

29 Gennaio 2021 - 10:15

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Mercati in preda al nervosismo: indici in perdita oggi, che succede?

Mercati ancora scossi e in perdita: che succede oggi?

Mercati oggi: c’è ancora nervosismo nelle Borse e gli indici sono in perdita.

Le azioni globali sono diminuite nei primi scambi di venerdì 29 gennaio, tra le preoccupazioni per una stretta di liquidità in Cina e la speculazione volatile dei trader negli Stati Uniti.

I futures su azioni europee e statunitensi sono scesi, mentre gli indici asiatici hanno registrato la loro perdita settimanale più ripida degli ultimi mesi, a testimonianza di investitori nervosi.

Che succede oggi nei mercati?

Mercati oggi: sarà il peggior calo della settimana?

Le Borse mondiali sono destinate al peggior calo settimanale in circa tre mesi, in parte a causa delle turbolenze causate dal caso GamsStop e dal suo effetto nefasto sugli hedge fund.

Si teme, inoltre, che un’implementazione irregolare del vaccino segnali una prospettiva di fragile ripresa.

I futures S&P 500 sono scesi dell’1,2% e i futures Nasdaq 100 dell’1,4%. I futures FTSE, DAX e EuroSTOXX 50 sono diminuiti di poco più dell’1%. Il dollaro USA è salito al massimo di sette settimane contro lo yen.

L’indice più ampio di MSCI di azioni Asia-Pacifico al di fuori del Giappone è diminuito dello 0,5% ed è destinato a una perdita settimanale del 3,8%, che sarebbe la più grande da settembre. Il Nikkei giapponese ha perso l’1,5% e si avvia verso il primo calo settimanale dell’anno.

In Cina, lo Shanghai Composite è sceso dello 0,2%.

I mercati azionari, quindi, appaiono ancora scossi e il loro nervosismo sembra alimentato anche da altri fattori. Il lancio del vaccino ha avuto problemi e i ritardi nella produzione sono sfociati in una diatriba tra l’Unione europea e le case farmaceutiche sul modo migliore per dirigere forniture limitate.

Giovedì 28 gennaio, gli investitori sono rimasti colpiti da un aumento inferiore al previsto delle richieste di sussidi di disoccupazione settimanali negli Stati Uniti. Tuttavia sono aumentati di oltre 840.000 e i dati hanno mostrato che l’economia statunitense si è contratta lo scorso anno al suo ritmo più rapido dalla Seconda Guerra Mondiale.

Nel frattempo, oggi la Banca popolare cinese (PBOC) ha erogato 100 miliardi di yuan nel sistema finanziario, smorzando i timori di una restrizione della politica monetaria.

Tuttavia, il denaro extra ha fatto ben poco per allentare i mercati monetari a breve termine, dove i tassi sono aumentati per il quinto giorno consecutivo e i tassi repo overnight di riferimento sono saliti ai massimi in quasi sei anni.

Argomenti

# Borse
# Asia

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories