Mercati oggi in corsa: il focus è negli USA, che succede?

Violetta Silvestri

05/04/2021

12/04/2021 - 13:59

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Mercati oggi con una spinta positiva: anche se alcune piazze di scambio sono chiuse, USA e Giappone avanzano. Che succede nelle Borse?

Mercati oggi in corsa: il focus è negli USA, che succede?

Mercati oggi con scambi dimezzati, ma risultati positivi: in questo lunedì festivo, con alcune Borse chiuse, i prezzi delle azioni globali sono saliti al massimo di 1 mese e mezzo.

La spinta, come sta accadendo spesso in questi mesi, è arrivata sempre agli USA: i buoni risultati sul mondo del lavoro hanno disegnato uno scenario di ripresa.

Inoltre, le obbligazioni sono state messe sotto pressione da preoccupazioni che la Federal Reserve possa aumentare i tassi di interesse prima di quanto indicato.

I mercati oggi sono in rialzo: che succede?

Mercati oggi: Giappone e USA in focus

Oggi in Asia, l’indice mondiale di MSCI era quasi piatto, ma si è attestato vicino al livello più alto dalla fine di febbraio e in vista del record raggiunto quel mese.

Le azioni in Giappone sono aumentate nel commercio del lunedì pomeriggio, con molti dei principali mercati dell’Asia-Pacifico chiusi per ferie (Cina e Hong Kong).

Il Nikkei 225 è salito dello 0,91% mentre l’indice Topix ha guadagnato lo 0,66%.

Il Kospi della Corea del Sud si librava sopra la linea piatta. Le azioni di LG Electronics sono aumentate di circa lo 0,6%. L’azienda ha annunciato lunedì che chiuderà la sua unità di business mobile per concentrare le risorse in “aree di crescita” come i componenti dei veicoli elettrici.

I future S& P500 sono stati scambiati in rialzo dello 0,5%, mantenendo i guadagni realizzati durante la sessione di venerdì, sebbene i future del Nasdaq ad alto contenuto tecnologico sono rimasti indietro, scambiando quasi invariati.

Dagli USA sono giunte notizie importanti in ambito ripresa economica: i libri paga non agricoli sono aumentati di 916.000 posti di lavoro il mese scorso, il più grande guadagno dallo scorso agosto.

Ciò era ben al di sopra della previsione degli economisti di 647.000 ed era più vicino al numero sussurrato dei mercati di un milione. Anche i dati di febbraio sono stati rivisti al rialzo per mostrare 468.000 posti di lavoro creati invece dei 379.000 segnalati in precedenza.

Cosa osservano gli investitori?

Le prospettive di un ritorno alla piena occupazione, a loro volta, sollevano interrogativi sul fatto che la Fed possa mantenere la promessa di mantenere i tassi di interesse fino al 2023.

I mercati nutrono forti dubbi, con i futures sui Fed funds completamente scontati in un rialzo dei tassi entro la fine del prossimo anno.

Molti operatori del mercato si aspettano anche che la banca centrale USA esamini la riduzione dei suoi acquisti di obbligazioni quest’anno, anche se i funzionari hanno affermato di non aver ancora discusso la questione.

Gli investitori stanno osservando anche l’andamento del dibattito sugli Stati Uniti del piano per le infrastrutture da 2,25 trilioni di dollari del presidente Joe Biden, poiché i repubblicani hanno espresso un cauto sostegno a un progetto che sia più limitato.

La risposta finora nei mercati obbligazionari è stata attenuata, con l’allentamento delle preoccupazioni sull’inflazione tra i dubbi sulla fattibilità di una spesa più generosa, anche se le banche centrali rimangono impegnate a mantenere i tassi di interesse più bassi a lungo.

Bene il dollaro, giù il petrolio

Per quanto riguarda gli altri movimenti dei mercati di oggi, il rendimento del Tesoro a due anni è salito allo 0,186%, vicino al suo picco di otto mesi dello 0,194% toccato alla fine di febbraio.

Anche i rendimenti delle obbligazioni a più lunga scadenza sono aumentati, con il Treasury a 10 anni all’1,725% in Asia, prolungando la crescita iniziata venerdì dopo il rapporto sull’occupazione.

I forti dati sull’occupazione hanno contribuito a sostenere il dollaro.

Il biglietto verde è stato scambiato a 110,57 yen, non lontano dal picco di un anno di 110,97 di mercoledì. L’euro si è attestato a $ 1,1767.

L’oro è scivolato dello 0,4% a 1.724,70 $.

Negli asset delle criptovalute, l’ether è scivolato dell’1,7% a $ 2.040,21 dal picco record di venerdì di $ 2.144,99. Bitcoin è sceso dello 0,9% a 57.704 $.

I prezzi del petrolio sono scesi dopo che l’OPEC + ha concordato la scorsa settimana di allentare gradualmente alcuni dei suoi tagli alla produzione tra maggio e luglio.

Argomenti

# Borse
# Asia
# azioni

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories