Mercati rimbalzano, ma la Cina resta in allerta sullo yuan

Violetta Silvestri

29 Settembre 2022 - 08:43

condividi

Il clima dei mercati finanziari ritorna più sereno, dopo le sedute drammatiche degli ultimi giorni. L’effetto Bank of England c’è stato, ma quanto durerà? Intanto la Cina avverte sullo yuan.

Mercati rimbalzano, ma la Cina resta in allerta sullo yuan

Il clima dei mercati globali sembra rasserenarsi. Le azioni asiatiche scambiano in rialzo con lievi flessioni, dopo una seduta più forte per gli indici Usa dall’inizio di agosto. La Cina rimane intrappolata nella questione dello yuan debole, inviando nuovi avvertimenti agli speculatori.

L’intervento di emergenza della Banca d’Inghilterra, che ha presentato un programma di acquisto di obbligazioni, è stato salvifico e ha innescato un rally globale del debito pubblico.

Le azioni sono aumentate in Giappone, Hong Kong e Australia, rispecchiando il guadagno del 2% per l’S&P 500, che aveva ottenuto una serie di sconfitte per sei giorni. La persistente cautela è stata evidente con i piccoli cali dei futures azionari statunitensi e l’avanzata del dollaro nei confronti della sterlina e dello yen.

Gli investitori restano attenti alle minacce poste dalle mosse discordanti delle banche centrali negli ultimi giorni, con i funzionari della Federal Reserve irremovibili su un’ulteriore stretta monetaria, la BoE che ha svelato un piano da 65 miliardi di sterline per sostenere il debito pubblico e le autorità asiatiche che tentano per sostenere l’indebolimento delle valute.

Mercati in ripresa, ma con cautela

La mossa a sorpresa della BoE ha dato respiro ai mercati mondiali. La Banca d’Inghilterra ha dichiarato che acquisterà fino a 5 miliardi di sterline (5,4 miliardi di dollari) al giorno di titoli di Stato a lunga scadenza fino al 14 ottobre. Mercoledì ha speso circa un miliardo di sterline e i rendimenti dei Gilt a 30 anni sono scesi di 105 punti base, il calo più grande di sempre secondo i record Refinitiv che risalgono al 1992.

Al momento in cui si scrive, in Asia Shanghai e Hong Kong stanno per chiudere in ribasso, mentre gli altri indici viaggiano sopra la parità.

Il più ampio indice MSCI delle azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone è ​​salito dell’1,5% e ci si aspetta che chiuda la sua migliore sessione in un mese.

La prudenza, però, è d’obbligo. L’economista di ANZ Finn Robinson ha messo in guardia: “Per quanto tempo durerà il calmo e rinnovato ottimismo resta da vedere. Per prima cosa, questa ri-stimolazione aumenterà, non reprimerà l’inflazione nel Regno Unito, e questo è un male per le obbligazioni e la sterlina.”

C’è da ricordare che le ricadute dei tagli fiscali non finanziati annunciati in Gran Bretagna la scorsa settimana si sono riverberati sui mercati finanziari dopo aver innescato un crollo dei prezzi delle attività britanniche. L’intervento della BoE ha seguito i passi in Corea, India e Indonesia per stabilizzare i loro mercati finanziari questa settimana, mentre il dollaro Usa è salito ampiamente.

Il nervosismo, quindi, rimane e il sollievo dei mercati potrebbe non durare. I funzionari della Federal Reserve hanno continuato a insistere sulle prospettive da falco della banca centrale. Il presidente della Fed di Atlanta, Raphael Bostic, ha dichiarato di sostenere l’aumento dei tassi di ulteriori 1,25 punti percentuali entro la fine di quest’anno per contrastare l’inflazione che è stata peggiore del previsto.

Funzionari dell’Unione Europea hanno svelato un nuovo round di sanzioni per la Russia, che impedirebbe le vendite di petrolio russo da parte di Paesi terzi oltre un limite di prezzo stabilito. Il piano infliggerebbe circa 6,7 ​​miliardi di dollari di sofferenza economica alla Russia.

“I mercati sono molto pessimisti. Gli investitori sono abbastanza in disparte”, ha affermato Julia Raiskin, responsabile dei mercati Asia-Pacifico di Citigroup Inc. “Oltre al dollaro, non ci sono molte attività che vengono scambiate in modo costruttivo.”

La Cina osserva lo yuan e lancia moniti

La People’s Bank of China ha messo in guardia dalle scommesse sullo yuan, dopo il rapido calo nei confronti del dollaro USA questa settimana.

“Non scommettere su un apprezzamento o deprezzamento unilaterale del tasso di cambio del renminbi” ha affermato la banca centrale in una dichiarazione, secondo una traduzione della CNBC.

Il renminbi, o yuan, mercoledì ha superato il livello di 7,2 contro il biglietto verde, scendendo al livello più debole dal 2008. L’indice del dollaro Usa, che replica il dollaro contro le principali valute globali, è salito ai massimi degli ultimi due decenni poiché la Federal Reserve statunitense ha alzato in modo aggressivo i tassi di interesse quest’anno.

La dichiarazione della PBOC, con la sua richiesta alle banche di mantenere la stabilità nel mercato dei cambi, è “una guida verbale contro il recente rapido deprezzamento della valuta”, hanno affermato in una nota l’analista di Goldman Sachs Maggie Wei e un team.

Tuttavia, il superamento della soglia di 7,2 da parte dello yuan “suggerisce che i politici cinesi non stanno necessariamente difendendo un particolare livello del tasso di cambio”, afferma il rapporto. “La dichiarazione della PBOC potrebbe rallentare il ritmo del deprezzamento del CNY a margine.”

Lo yuan negoziato onshore si è indebolito rispetto al dollaro dell′1,9% finora questa settimana, secondo Wind Information. La banca centrale cinese ha fatto altre mosse per sostenere la valuta questo mese, inclusa la riduzione della quantità valuta estera che le banche devono detenere.

Argomenti

# Borse

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.