Materie prime sotto la lente: come finirà il 2022? Un’analisi

Violetta Silvestri

24 Giugno 2022 - 14:22

condividi

Dal petrolio al gas fino ai cereali, al ferro e all’oro: le materie prime, con i loro prezzi oscillanti, stanno focalizzando l’attenzione degli investitori. Cosa accadrà nella seconda metà del 2022?

Materie prime sotto la lente: come finirà il 2022? Un'analisi

Le materie prime saranno oggetto di un attento esame per il resto del 2022 dopo un primo semestre dominato dalle turbolenze dell’offerta e dagli shock inflazionistici scatenati dall’attacco della Russia all’Ucraina.

In un’analisi di Bloomberg si è cercato di capire quale andamento avranno le commodities in questa seconda parte dell’anno, considerando la loro influenza su inflazione e previsioni economiche delle maggiori potenze e non solo.

Il focus sarà sul modo in cui consumatori, imprese e governi affronteranno le onde d’urto sui flussi di merci. O l’economia globale può resistere ai prezzi altissimi a causa delle scarse forniture, specialmente per l’energia, o l’impennata dei prezzi sarà domata da recessioni.

Per quanto riguarda il gas naturale, i tagli alle forniture della Russia aprono una nuova era travagliata per l’Europa. Nel petrolio, la prossima mossa dell’OPEC è cruciale e nel settore alimentare ci sono alcuni segnali di rallentamento dei prezzi. Il destino del settore immobiliare della Cina sarà invece fondamentale per i metalli, mentre le mosse della banca centrale per schiacciare l’inflazione rappresentano un ampio vento contrario.

Cosa aspettarsi per le materie prime nella seconda metà del 2022? L’analisi di Bloomberg.

Crisi del gas

La stretta della Russia sui flussi verso l’Europa sta portando a una storica carenza globale – e prezzi ancora più alti – con il picco della domanda che incombe questo inverno. Le nazioni consumatrici si stanno preparando a gestire le economie senza carburante e la concorrenza per il gas naturale liquefatto tra Europa e Asia si intensificherà, tanto più se un importante impianto di esportazione degli Stati Uniti rimane chiuso.

Il gas costoso aumenterà le bollette elettriche per le famiglie e le imprese e una crisi in piena regola potrebbe fermare le industrie dai prodotti chimici ai fertilizzanti, alimentando le fiamme dell’inflazione globale. La Germania si sta preparando ad avviare la fase successiva del suo piano di emergenza e il razionamento del gas in tutta Europa è una prospettiva reale. In Giappone, uno dei principali importatori di Gnl al mondo, il governo sta cercando di ridurre i consumi e sta valutando mosse senza precedenti per procurarsi più carburante.

Petrolio in bilico

I prodotti raffinati, dalla benzina al diesel, sono i punti caldi del mercato petrolifero in questo momento. Il grande interrogativo per la seconda metà è se la domanda può essere sostenuta con i prezzi così in aumento. Un cocktail di sussidi per il carburante che tengono a galla i consumi, insieme a una capacità di raffinazione limitata, ha alimentato impennate importanti. La benzina statunitense a $5 al gallone ha attirato l’attenzione politica, il che potrebbe innescare un’azione in vista delle elezioni di medio termine di novembre.

C’è poco consenso su ciò che accadrà dopo nel greggio, ma il focus è sull’OPEC e i suoi alleati e su cosa faranno, specialmente se i prezzi si manterranno sopra i $100 al barile. Mentre Citigroup vede il petrolio allentarsi a $80 entro il quarto trimestre a causa di “forti venti contrari alla crescita”, Goldman Sachs è tra i rialzisti, con i prezzi del petrolio che necessitano di ulteriori guadagni per normalizzarsi con “scorte insostenibilmente basse.”

Settore alimentare sotto la lente

La crisi alimentare globale ha superato il momento peggiore? Si parla sempre più spesso del picco dei prezzi dei cereali e dell’olio da cucina e anche dei costi alimentari globali. Sono in arrivo ulteriori rifornimenti, con l’inizio della raccolta invernale di grano nell’emisfero settentrionale e successivamente grano primaverile, mais e soia. L’attenzione si sposta poi sulla produzione in Australia, Brasile e Argentina. Salvo i problemi meteorologici, la produzione potrebbe aumentare poiché gli agricoltori piantano di più in risposta ai prezzi elevati.

Le scorte globali rimarranno ridotte nella prossima stagione – e milioni di tonnellate di cereali sono bloccate in Ucraina – ma potrebbero non diventare sostanzialmente più limitate. Alcuni carichi ucraini stanno raggiungendo l’Europa, mentre la Russia si sta dirigendo verso un raccolto eccezionale. L’olio di palma, l’olio commestibile più consumato al mondo, quest’anno è crollato al livello più basso quando il principale produttore indonesiano ha aumentato le esportazioni, mentre grano, mais e soia sono caduti dai loro massimi. I costi alimentari globali sono già scesi dal picco storico di marzo e potrebbero seguire ulteriori cali.

I metalli guardano alla Cina

La Cina, principale importatore di energia, metalli e colture sarà ancora un fattore chiave nei prossimi mesi, soprattutto se l’economia si avvierà per raggiungere l’obiettivo del presidente Xi Jinping di una crescita annuale del 5,5%. Ciò aumenterebbe la domanda, ma i mercati dei metalli, in particolare, mostrano perché le scommesse su un massiccio aumento degli stimoli possono rivelarsi rischiose.

Il cuore del problema è il mercato immobiliare cinese in crisi. Ci sono pochi segnali che il Governo sia vicino a invertire la sua stretta su un settore che è stato assolutamente fondamentale nel rilancio dei mercati del minerale di ferro e del rame dopo le precedenti flessioni. La spesa extra per le infrastrutture non è sufficiente per compensare la perdita. Ciò mette a rischio gli obiettivi di crescita di Xi, il che significa che il minerale di ferro potrebbe avere difficoltà a eguagliare i massimi di quest’anno.

Dove andrà l’oro?

Dopo aver raggiunto un record dopo l’invasione russa, l’oro è tornato al punto di partenza dell’anno e le previsioni di consenso per il quarto trimestre mettono i prezzi solo leggermente al di sopra di dove si trovano ora.

Il metallo giallo deve affrontare alcuni venti contrari: rialzi dei tassi di interesse fuori misura da parte della Fed e di altre banche centrali; un dollaro forte; e la domanda fisica in difficoltà nella Cina dei principali consumatori.

Tuttavia, i dubbi sulla capacità della Fed di combattere l’inflazione senza una recessione degli Stati Uniti stanno fornendo supporto, e un atterraggio duro per l’economia globale potrebbe rilanciare la domanda. In questo senso, l’oro sarà la misura della capacità delle banche centrali di frenare le pressioni sui prezzi senza schiacciare la crescita.

L’asset rifugio provato e testato è stato superiore a $1.800 per la maggior parte del primo semestre e potrebbe finire l’anno lì, a meno che non ci sia un altro grande shock.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.