Lockdown in arrivo? Marcotti: “Può portarci sul lastrico”

Con l’introduzione di un nuovo lockdown centinaia di migliaia di italiani potrebbero finire sul lastrico secondo Giancarlo Marcotti, il direttore di Finanza in Chiaro.

Negli ultimi giorni si sta paventando sempre più la possibilità di introdurre un nuovo lockdown nazionale, tanto che nelle anche il governatore delle Campania, Vincenzo De Luca, ha chiesto al governo di imporre un blocco della mobilità su tutto il territorio nazionale a partire dal prossimo lunedì, per la durata di almeno 15 giorni.

Secondo Giancarlo Marcotti, il direttore di Finanza in Chiaro, con l’introduzione di una nuova chiusura l’economia italiana cadrebbe a picco e potrebbe portare sul lastrico centinaia di migliaia, se non milioni, di persone”. Marcotti si pone dunque in linea con la visione del premier Conte circa la gestione dell’emergenza sanitaria, il quale ha più volto ribadito la necessità di scongiurare il più possibile l’introduzione di un lockdown, preferendo misure diverse per contrastare il coronavirus.

Il lockdown può portarci sul lastrico

Chiaramente le problematiche di natura sanitaria continua ad esserci, come testimoniano anche i dati in continua crescita, “tuttavia - precisa Marcotti - continuo a pensare che questo coronavirus oggi abbia un tasso di letalità talmente basso che non si riesce a capire per quale motivo dobbiamo prendere delle decisioni che per me sono drastiche poi speriamo veramente che non si debba ricorrere appunto a queste limitazioni”.

Secondo Marcotti infatti il lockdown non solo si prefigge come una limitazione alle libertà personali, ma avrebbe delle conseguenze devastanti per le tasche degli italiani e per quelle dello Stato, portando l’intero paese sul lastrico. Il direttore di Finanza in Chiaro infatti spiega che anche nel caso in cui venissero attuati i “cosiddetti ristori”, con cui rimborsare i commercianti e gli imprenditori delle perdite causate dalla chiusura, il nostro Stato non disporrebbe di questo denaro e dunque sarebbe costretto a contrarre dei nuovi debiti per trovare la liquidità da elargire, debiti “che dovremmo comunque restituire alla fine”.

Dobbiamo imparare a convivere con il virus

La situazione, spiega Marcotti, “sta veramente sfuggendo di mano”. La situazione italiana non è peggiore rispetto a quella di molti altri Stati, “almeno a sentire i nostri telegiornali”, e proprio per questo motivo, dice il direttore “non dobbiamo rassegnarci a finire di restare chiusi in casa, è una cosa con nessuna prospettiva”.

Secondo Marcotti, l’unica cosa da fare in questo momento è imparare a convivere con il coronavirus, prendendo un po di coraggio, poiché “non si può diventare schiavi del virus, questo è un po’ il mio pensiero”, conclude.

Iscriviti alla newsletter

Lockdown in arrivo? Marcotti: “Può portarci sul lastrico”

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories