Lista e candidati Lega: dai ministri uscenti, all’ex pallavolista Mastrangelo: tutte le scelte e gli esclusi

Giacomo Andreoli

20/09/2022

20/09/2022 - 15:16

condividi

La Lega si presenta alle prossime elezioni politiche del 25 settembre con tutti i big del partito e alcune novità dalla società civile, a partire da sportivi e personalità del mondo dell’editoria.

Lista e candidati Lega: dai ministri uscenti, all'ex pallavolista Mastrangelo: tutte le scelte e gli esclusi

La Lega di Matteo Salvini si presenta alle elezioni del 25 settembre con un obiettivo ambizioso. Il segretario de Il Carroccio vuole recuperare quanti più voti possibili su Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, per poter contare il più possibile nell’eventuale prossimo governo di centrodestra. Per questo il partito nelle liste elettorali per Camera e Senato ha riconfermato tutti i big e aperto ad alcune new entry dalla società civile.

Si tratta di ex sportivi, persone del terzo settore e rappresentanti noti del mondo della comunicazione e dell’editoria. Il leader del Carroccio punta a diventare almeno il prossimo vicepremier e ministro dell’Interno, per replicare e forse ampliare il lavoro fatto nel 2018 e nel 2019 con il governo gialloverde. Per farlo la spinta dei volti conosciuti e dei nuovi, soprattutto nei collegi uninominali, sarà fondamentale. Vediamo chi sono i candidati della Lega.

Lista della Lega, la riconferma dei ministri uscenti

Nelle liste della Lega trovano spazio il leader Salvini (come capolista per il Senato in Lombardia, Basilicata, Puglia e Calabria) e i ministri uscenti del governo Draghi, che saranno presenti nelle liste proporzionali, probabilmente come capilista. Si tratta del titolare dello Sviluppo economico e secondo nome di peso nel partito dopo Salvini, Giancarlo Giorgetti. Sarà candidato alla Camera in Lombardia in un collegio uninominale e almeno in un altro collegio al proporzionale. Spazio anche al ministro del turismo Massimo Garavaglia e alla titolare del dicastero per le disabilità Erika Stefani.

Candidati Lega, i nomi alla Camera

Tante, poi, le conferme e i nomi di partito per la Camera. In Lombardia ci saranno Andrea Crippa, Stefano Candiani, l’ex forzista Laura Ravetto, Nicola Molteni, Rebecca Frassini, Simona Bordonali, Silvana Comaroli e Andrea Dara. In Trentino spazio a Vanessa Cattoi e Sabrina Adami.

In Piemonte, invece, oltre ai noti Edoardo Rixi e il capogruppo Riccardo Molinari, ci saranno anche Elena Maccanti, Alessandro Vigna e Alberto Gusmeroli. In Sardegna confermato Dario Giagoni, in Sicilia Antonino Minardo e Valeria Sudano.

E ancora: in Veneto ci saranno il vice segretario Lorenzo Fontana e Massimo Bitonci, oltre a Giorgia Andreuzza, Dimitri Coin, Ingrid Bisa e Alberto Stefani. In Campania correranno Attilio Pierro e Tina Donnarumma, mentre nel Lazio spazio a Federico Freni e Nicola Ottaviani. Poi: in Umbria Virginio Caparvi, nelle Marche Mirco Carloni e Giorgia Latini.

Poi: in Emilia Romagna Benedetta Fiorini, Jacopo Morrone e Laura Cavandoli e in Toscana Elisa Montemagni, Tiziana Nisini e Edoardo Ziello (con l’ex anti-euro Claudio Borghi che correrà invece da capolista al plurinonimale di Lucca per la Camera). Infine ci saranno: in Abruzzo l’economista Alberto Bagnai, in Campania Tina Donnarumma e Attilio Pierro, in Puglia Davide Bellomo e Rossano Sasso e in Calabria Domenico Furgiuele.

Candidati Lega, le scelte per il Senato

Quanto al Senato, nel Lazio correranno all’uninominale: a Roma Est l’ex ministra per la Pubblica amministrazione Giulia Bongiorno e a Viterbo l’ex sottosegretario all’Economia Claudio Durigon, coinvolto da scandali e polemiche che lo hanno portato a rinunciare al ruolo di governo nell’esecutivo Draghi. Quindi, in Emilia Romagna nell’uninominale di Piacenza e Parca ci sarà Elena Murelli, in Valle d’Aosta Nicoletta Spelgatti. in Toscana Manfredi Potenti (a Livorno).

Gli altri nomi per l’uninominale sono: Marzia Casolati (Torino città), Giorgio Bergesio (Cuneo); Martina Loss (Trento), Elena Testor (Valsugana), Maurizio Bosatra (Bolzano), Rita Mattei (Merano), Stefania Pucciarelli (La Spezia), Pina Castiello (Napoli), Roberto Marti (Lecce), Tilde Minasi (Reggio Calabria), Mario Barbuto (Palermo), Elena Testor (Valsugana), Maurizio Bosatra (Bolzano), Rita Mattei (Merano), Massimiliano Romeo (Varese), Maria Cristina Cantù (Milano), Gian Marco Centinaio (Pavia), Daisy Pirovano (Bergamo), Stefano Borghesi (Brescia), Mara Bizzotto (Vicenza), Paolo Tosato (Verona).

Tutte le novità e gli esclusi

Tra le novità più significative per il Parlamento c’è l’ex magistrato ed ex candidata a vice-sindaca di Roma Simonetta Matone. Sarà all’uninominale nel Lazio e correrà per un seggio alla Camera. Ci sarà poi l’ex campione di pallavolo Luigi Mastrangelo, da anni sostenitore delle politiche e degli slogan di Salvini. Correrà a Taranto.

E ancora, la Lega candiderà: Mario Barbuto (presidente dell’Unione italiana ciechi e ipovedenti), Vincenzo Pepe (presidente di FareAmbiente), lo scrittore Giuseppe Valditara e l’editore (di Libero e del Tempo) Antonio Angelucci.

I vertici del partito, invece, non sono riusciti a convincere ad entrare in lista la giornalista di Mediaset e de Il Riformista Hoara Borselli e le colleghe Maria Giovanna Maglie e Annalisa Chirico (Il Foglio).

Esclusa, infine, una candidatura nelle liste della Lega per il presidente della Lazio Claudio Lotito, che correrà all’uninominale in Molise per tutta la coalizione, ma in quota Forza Italia.

Iscriviti a Money.it