Libretto postale o ETF? Ecco quale conviene di più dopo 20 anni

Claudia Cervi

11 Marzo 2023 - 08:07

condividi

Quale investimento conviene tra Libretto postale e ETF per il futuro di un bambino? Mettiamo a confronto due opzioni per valutare quella che offre una crescita del capitale più solida e sostenibile.

Libretto postale o ETF? Ecco quale conviene di più dopo 20 anni

Libretto postale o ETF: quale investimento ha offerto il miglior rendimento a lungo termine e quale potrebbe essere la scelta migliore per il futuro?

Alla ricerca di un investimento per garantire la crescita del capitale nel tempo, spesso le famiglie scelgono i libretti postali come opzione di risparmio sicura, ma esistono altri strumenti di investimento che possono offrire risultati migliori.

In questo articolo esamineremo i vantaggi e gli svantaggi del libretto postale e degli ETF, confrontando la redditività, il rischio associato, i costi di gestione e l’impatto fiscale di entrambi i prodotti. In questo modo sarà più semplice decidere quale tipo di investimento conviene di più per un regalo di Battesimo in modo da offrire al bambino un futuro finanziario solido e sostenibile.

Differenze tra Etf e libretto postale

Il libretto postale è uno strumento di risparmio emesso da Poste Italiane SPA. Funziona come un salvadanaio, sul quale è possibile versare i propri risparmi senza rischiare di perderli. Lo Stato Italiano infatti garantisce tutte le somme depositate.

Per scegliere il prodotto di investimento più adatto come regalo di Battesimo, è importante conoscere le differenze tra gli Etf e i libretti postali.

Gli Etf sono fondi negoziati in borsa che replicano l’andamento di un indice di riferimento, come ad esempio l’S&P 500. Essi offrono una maggiore diversificazione rispetto ad un’azione singola, in quanto rappresentano un intero indice di mercato. Gli Etf sono anche molto liquidi, il che significa che possono essere comprati e venduti facilmente sulla borsa. Inoltre, poiché gli Etf sono negoziati in borsa, il loro prezzo è aggiornato in tempo reale e può essere acquistato ad un prezzo che si avvicina molto al valore di mercato effettivo dell’indice sottostante.

D’altra parte, i libretti postali sono un prodotto di risparmio a basso rischio emesso dalle Poste Italiane. Essi sono disponibili in diverse forme, come il Libretto Postale Ordinario o il Libretto Postale di Risparmio. I libretti postali funzionano come un salvadanaio: offrono una garanzia sul capitale investito e un rendimento stabile ma più basso rispetto agli Etf.

Vantaggi e svantaggi degli Etf come investimento

Gli Etf presentano diversi vantaggi rispetto al libretto postale. In primo luogo, gli Etf replicano l’andamento di un indice di riferimento, come ad esempio l’S&P 500, offrendo la possibilità di investire in una vasta gamma di asset, tra cui azioni, obbligazioni e materie prime, con una sola operazione. Ciò significa che gli investitori possono diversificare il loro portafoglio in modo più efficace rispetto al libretto postale, che offre solo un rendimento fisso e limitato.

In secondo luogo, gli Etf sono negoziati in borsa, il che significa che gli investitori possono comprarli e venderli come azioni a qualsiasi ora del giorno. Ciò garantisce una maggiore liquidità rispetto al libretto postale, che prevede vincoli di tempo e una penalizzazione in caso di rimozione anticipata.

In terzo luogo, gli Etf hanno anche costi di gestione molto più bassi rispetto ai fondi comuni di investimento tradizionali, il che li rende simili all’investimento in libretto postale, che non hanno costi di gestione, se non quelli legati agli oneri fiscali. Questi costi di gestione ridotti sono resi possibili dalla loro struttura passiva, che consente loro di replicare l’andamento dell’indice di riferimento senza la necessità di una gestione attiva del portafoglio.

Tuttavia, gli Etf presentano anche alcuni svantaggi rispetto al libretto postale. In primo luogo, gli Etf sono soggetti a fluttuazioni di prezzo e quindi ad un maggiore rischio di mercato rispetto al libretto postale, che offre un rendimento fisso e garantito.

In secondo luogo, gli Etf richiedono una certa conoscenza del mercato finanziario per poter essere utilizzati efficacemente. Chiunque investa in un Etf dovrebbe comprendere le dinamiche del mercato e le potenziali conseguenze delle fluttuazioni dei prezzi.

In terzo luogo, anche se i costi di gestione degli Etf sono inferiori rispetto ai fondi comuni di investimento tradizionali, essi presentano comunque costi di transazione e di gestione che potrebbero ridurre il rendimento totale dell’investimento.

In ultima analisi, la scelta tra Etf e libretto postale come regalo di Battesimo dipenderà dalle preferenze personali dell’investitore e dal suo livello di conoscenza del mercato finanziario. Tuttavia, l’investimento in Etf può offrire una maggiore diversificazione del portafoglio, maggiore liquidità e costi di gestione ridotti rispetto al libretto postale, anche se con un maggiore rischio di mercato.

Etf o libretto postale: quale investimento conviene di più dopo 20 anni?

Quando si tratta di scegliere un investimento a lungo termine come un Etf o un libretto postale, è importante prendere in considerazione diversi fattori. Ad esempio, il rendimento storico, la volatilità, il grado di esposizione a determinati settori o regioni geografiche e il tasso di interesse offerto.

Gli Etf sono fondi negoziati in borsa che replicano l’andamento di un indice di riferimento, come l’S&P 500, mentre i libretti postali sono prodotti di risparmio a basso rischio offerti dalle Poste Italiane e garantiscono un tasso di interesse fisso per un periodo di tempo prestabilito.

In generale, gli Etf hanno offerto una maggiore redditività rispetto ai libretti postali nel corso degli ultimi anni, ma anche un rischio maggiore. Ad esempio, un ventenne che nel 2003 avesse ricevuto in regalo un Etf sull’indice S&P 500 ora si troverebbe con un capitale totale di oltre 4.200 euro, mentre chi avesse ricevuto in dono un libretto postale avrebbe un capitale totale di circa 1.400 euro.

Tuttavia, è importante notare che i rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri, quindi non è possibile garantire quale investimento sarà il migliore dopo 20 anni. Inoltre, il rendimento e il rischio di ogni prodotto possono variare in base alle condizioni del mercato e all’andamento dell’indice di riferimento.

Quando si sceglie tra un Etf e un libretto postale come investimento a lungo termine, è importante valutare attentamente i propri obiettivi di investimento, il proprio profilo di rischio e il livello di conoscenza del mercato finanziario. In generale, gli Etf potrebbero essere più adatti per chi ha una maggiore propensione al rischio e vuole puntare sulla crescita del capitale, mentre i libretti postali potrebbero essere più adatti per chi cerca una maggiore stabilità e prevedibilità nel rendimento. Tuttavia, è sempre importante consultare un esperto del settore finanziario prima di effettuare una scelta.

Etf vs libretto postale: quale protegge di più contro l’inflazione?

Quando si tratta di proteggere il proprio denaro dall’inflazione, sia gli Etf che i libretti postali possono offrire una forma di protezione, ma in modo diverso.

Gli Etf, in particolare quelli che investono in azioni, possono offrire una protezione contro l’inflazione grazie alla capacità delle aziende di aumentare i prezzi dei loro prodotti e servizi per compensare l’aumento dei costi dei beni e delle materie prime. Inoltre, gli Etf possono includere aziende che operano in settori che tradizionalmente hanno prestazioni migliori in un ambiente di inflazione, come le aziende petrolifere o minerarie.

D’altra parte, i libretti postali possono offrire protezione contro una bassa inflazione o contro una inflazione stabile grazie ai loro tassi di interesse fissi. Quando l’inflazione aumenta, il libretto postale comprato anni prima con un tasso fisso non garantisce più la stessa copertura e comporta una perdita di potere d’acquisto.

Un libretto postale acquistato in una fase di inflazione più elevata può invece offrire un tasso di interesse fisso più alto.

Tuttavia, è importante notare che i tassi di interesse dei libretti postali potrebbero non essere sufficienti per proteggere il proprio capitale dall’aumento dei prezzi dei beni e dei servizi a lungo termine. Inoltre, in un ambiente di inflazione elevata, i tassi di interesse potrebbero non essere sufficienti per compensare completamente l’aumento dei prezzi.

In definitiva, sia gli Etf che i libretti postali possono offrire una certa forma di protezione contro l’inflazione, ma la scelta dipenderà dalle proprie esigenze di investimento e dal proprio profilo di rischio. È importante valutare attentamente i pro e i contro di entrambi i tipi di investimento prima di prendere una decisione.

Costi degli Etf e dei libretti postali

I costi sono un aspetto importante da considerare quando si sceglie tra gli ETF e i libretti postali come opzioni di investimento. I libretti postali non hanno costi di gestione in quanto sono prodotti finanziari offerti direttamente dalle banche o dalle poste. Tuttavia, i libretti postali possono avere altre spese, come ad esempio le commissioni di apertura e di chiusura o le penali per il prelievo anticipato. Gli Etf hanno invece dei costi di gestione (più bassi rispetto a quelli dei fondi di investimento) e variano in base al sottostante selezionato.

Inoltre, sia gli ETF che i libretti postali possono avere costi di transazione. Nel caso degli ETF, si pagano le commissioni di negoziazione al momento dell’acquisto e della vendita delle quote. Nel caso dei libretti postali, si possono pagare commissioni per l’emissione e il riscatto.

Infine, è importante considerare che i costi di transazione e le commissioni possono variare notevolmente in base alla banca o all’intermediario finanziario scelto. Pertanto, è consigliabile confrontare i costi tra diverse opzioni di investimento prima di prendere una decisione.

Le tasse su Etf e libretti postali

La fiscalità rappresenta un aspetto importante nella scelta di un investimento ma in questo caso non ci sono differenze sostanziali tra ETF e libretti postali. Le plusvalenze generate da un investimento in ETF sono soggette ad una tassazione del 26%. Gli ETF che investono in titoli pubblici italiani (o equiparati) e derivanti da titoli pubblici di Stati esteri appartenenti alla cosiddetta White List sono soggetti ad un’aliquota agevolata del 12,50%. Inoltre, è importante notare che gli ETF sono soggetti alla tassazione sulle distribuzioni di dividendi o di interessi sempre con un’aliquota del 26%.

Anche gli interessi maturati sui libretti postali sono soggetti a una tassazione del 26%.

In ogni caso, è importante valutare attentamente la fiscalità degli investimenti in ETF e libretti postali in base alla propria situazione fiscale personale. In alcuni casi, può essere più conveniente investire in ETF, mentre in altri casi può essere preferibile optare per un libretto postale. In ogni caso, è sempre consigliabile consultare un professionista del settore per avere una valutazione adeguata alla propria situazione specifica.

Conclusioni: Libretto Postale ed Etf a confronto

Libretto Postale Etf
Interessi Rendimento lordo del 3% annuo, cioè 2,22% al netto delle tasse Il Rendimento varia in base alle condizioni del mercato e all’andamento dell’indice di riferimento
Imposta di bollo 34,20 euro o 100 euro se la giacenza media supera i 5.000 euro, imposta di bollo al 0,2% sui depositi Imposta di bollo al 0,2% sui depositi
Tassazione 26% di ritenuta fiscale sugli interessi maturati 26% di ritenuta fiscale sui rendimenti (del 12,5% se l’Etf è costituito da Titoli di Stato)
Garanzia dello Stato Garanzia dello Stato 100% Nessuna garanzia
Costi Zero costi, a parte gli oneri fiscali Costi molto bassi ma variabili in base allo strumento scelto
Operatività Limitata Molto ampia e flessibile

In sintesi, i libretti postali garantiscono una maggiore sicurezza grazie alla garanzia statale del capitale investito e alla stabilità del rendimento, anche se questo è molto basso. I costi sono inferiori rispetto agli ETF. Questi ultimi non garantiscono il capitale investito ma il rendimento varia in base alle condizioni del mercato e l’operatività è molto più ampia e flessibile rispetto ai libretti postali. Inoltre, la tassazione sui rendimenti è la stessa per entrambi gli strumenti, ma negli ETF costituiti da Titoli di Stato la ritenuta fiscale scende al 12,5%.

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it