Legalizzazione cannabis, il Movimento 5 Stelle presenta un ddl: sì a coltivazione e vendita

Il senatore del Movimento 5 Stelle Matteo Mantero ha depositato un disegno di legge per legalizzare la coltivazione e la vendita delle droghe leggere.

Legalizzazione cannabis, il Movimento 5 Stelle presenta un ddl: sì a coltivazione e vendita

L’Italia come l’Olanda o il Colorado. Il senatore Matteo Mantero del Movimento 5 Stelle ha infatti appena presentato un disegno di legge che prevede la legalizzazione della produzione, lavorazione e vendita delle droghe leggere.

Non si tratterebbe quindi dei grow shop che di recente stanno spuntando come funghi nel nostro paese, vendendo la canapa light, ma di un progetto di legge che andrebbe a legalizzare la produzione e l’uso della marijuana: secondo Mantero così facendo si darebbe un grosso colpo alla criminalità e un grande aiuto alle casse statali.

Marijuana legale, ecco il ddl dei 5 Stelle

Con ogni probabilità oggi Marco Pannella avrebbe accolto con grande soddisfazione la notizia del disegno di legge, presentato dal senatore del Movimento 5 Stelle Matteo Mantero, dove si prevede la legalizzazione delle droghe leggere.

Ma cosa prevede questo ddl? Per prima cosa sarà possibile la coltivazione di cannabis sia in forma privata fino a tre piante, che in modalità associata con la possibilità di avere un maggior numero di piante previa comunicazione alla Prefettura.

Sarà legale quindi detenere fino a 20 grammi in casa e 5 grammi fuori, con il decreto legge che poi prevede di modificare l’attuale legge sulle infiorescenze che permette al momento ai grow shop di vendere cannabis light.

Infine è prevista anche dal punto di vista legale una differenziazione di pena tra droghe pesanti e droghe leggere. Insomma il ddl presentato dal pentastellato Mantero non mira soltanto a rendere legale la Marijuana.

Anche in Italia la legalizzazione della cannabis - ha commentato il senatore - consentirebbe un risparmio dei costi legati alla repressione penale del fenomeno e riassorbirebbe buona parte dei profitti criminali del mercato nero”.

Il business complessivo del narcotraffico - ha continuato Mantero - secondo le stime si attesta a 560 miliardi di euro l’anno, mentre in Italia è stimato in circa 30 miliardi di euro, pari a circa il 2% del Pil nazionale, più della metà del mercato è costituito dalla marijuana e suoi derivati”.

Depositato il disegno di legge adesso si dovrà vedere come reagirà il Parlamento. Il tema infatti non è previsto nel contratto di governo ed è difficile che la Lega, così come il resto del centrodestra, possa avallare un provvedimento del genere.

Al Movimento 5 Stelle quindi non rimarrebbe che cercare la sponda del Partito Democratico e della sinistra: se così fosse i numeri per l’approvazione ci sarebbero, ma inevitabilmente si andrebbe a creare una crisi politica in seno alla maggioranza.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO

1620 voti

VOTA ORA