La rivincita dell’euro: +10% sul dollaro in 3 mesi. Cosa è successo

Violetta Silvestri

21 Gennaio 2023 - 15:32

condividi

L’euro è ben lontano dai livelli sotto la parità contro il dollaro: la moneta unica si è apprezzata negli ultimi mesi. I motivi di questa spinta, il ruolo del biglietto verde e alcune previsioni.

La rivincita dell'euro: +10% sul dollaro in 3 mesi. Cosa è successo

Euro in evidente ripresa in questo inizio 2023, da quando è sceso sotto la parità con il dollaro Usa lo scorso settembre.

Aiutata dal raffreddamento dei prezzi dell’energia, dai timori di una profonda recessione entro la fine dell’anno e da una Banca centrale europea sempre più aggressiva, la moneta unica ha ripreso slancio.

C’è da sottolineare, comunque, che si è verificato anche un ampio ritiro per il dollaro, che è sceso di circa un decimo contro un paniere di sei pari da quando ha toccato un massimo da 20 anni a settembre.

La coppia EUR/USD ha chiuso la settimana sulla soglia di 1,08. Le banche centrali restano osservate speciali anche per quanto riguarda l’andamento del mercato valutario. Perché, quindi, l’euro ha evidenziato il balzo e cosa aspettarsi.

Euro dollaro in rialzo: +10% da ottobre. I motivi dello slancio

L’euro è passato dal valere 0,98 dollari il 21 ottobre 2022 a centrare l’1,08 dollari il 20 gennaio 2023, con un aumento evidente, di circa il 10%.

Innanzitutto occorre sottolineare che lo scorso anno la Federal Reserve statunitense ha alzato il suo tasso ufficiale principale di 4,25 punti percentuali, il più grande aumento annuale in quattro decenni. Il crescente divario dei tassi di interesse con le altre economie ha attirato gli investitori negli Stati Uniti, facendo salire il dollaro, proprio come l’aumento dei prezzi dell’energia esacerbato dalla guerra in Ucraina ha minacciato le turbolenze economiche in Europa, intaccando l’attrattiva dell’euro.

Tuttavia, da allora entrambe le tendenze si sono leggermente invertite. “Per diversi anni, non c’era quasi alternativa al dollaro”, ha affermato Andreas Koenig, responsabile del FX globale di Amundi, come riportato da Finacial Times. Il denaro straniero si è riversato in Cina da quando ha annullato le rigide politiche zero-Covid alla fine dello scorso anno, ad esempio, in una mossa che ha anche incoraggiato i principali economisti ad aggiornare le loro previsioni di crescita globale (in positivo).

Anche le prospettive dell’Europa sono migliorate. Aiutati dal clima più mite, i prezzi del gas naturale europeo sono crollati dalla fine di agosto ai livelli registrati l’ultima volta prima dell’invasione russa dell’Ucraina, attenuando i timori di una profonda recessione in tutto il continente nel 2023.

Allo stesso tempo, il raffreddamento dell’inflazione complessiva attraverso l’Atlantico ha consentito alla Fed di rallentare il ritmo con cui ha alzato i tassi, con l’aumento di 0,5 punti percentuali di dicembre che ha interrotto una serie di quattro movimenti consecutivi di 0,75 punti percentuali. Nonostante la cautela espressa da numerosi funzionari, i mercati si aspettano che la banca centrale statunitense inizi a tagliare i tassi nella seconda metà dell’anno.

Cautela sul balzo dell’euro

Tassi più bassi “eliminerebbero un grande vantaggio per il dollaro, ha detto l’analista valutario del MUFG Lee Hardman, che si aspetta che la Bce aumenti i tassi al 3,25% dal 2% entro la metà dell’anno.

Una Bce ancora determinata nella sua politica monetaria restrittiva, insieme a una ripresa economica del continente e a una generale fiducia che possa riportare l’interesse verso gli asset di rischio (e indebolire gli acquisti di dollaro come valuta rifugio) possono ancora spingere l’euro.

Una crescente divergenza tra la politica della Fed e della Bce potrebbe aiutare l’euro a salire a $1,12 entro l’inizio del 2024.

Anche così, comunque, la persistente minaccia di un aumento dei prezzi dell’energia, che danneggerebbe le ragioni di scambio dell’Europa, fa sì che Hardman resti “cauto nell’esagerare troppo con prezzi molto più rialzisti per l’euro rispetto al dollaro.”

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO